• Tecnica
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Meteo
  • Reviews
  • Forum
  • Carl Vader Blog
  • Viaggi
  • Annunci Usato
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!
Stampa

Intervista a Marcus Hansen, altro astro nascente dell’NSP SUP Team

Inserito in News

frontpageng Star

Non solo Travis Grant e Titouan Puyo, l’NSP SUP Team sta vedendo l’entrata di altri fortissimi SUP racer. Marcus Hansen è uno di questi. english version

Dopo aver conseguito eccellenti risultati nelle prove di SUP Racing in Australia nel corso dell’estate, Marcus farà stop in Giappone per poi spostarsi in Europa e competere nelle ormai classicissime di specialità che si disputano nel Vecchio Continente.
Ma chi è questo atleta neozelandese, appena ventenne, in continua ascesa? Di seguito una breve intervista a Marcus.  

 

Titouan & Marcus

Quando hai iniziato a cimentarti con il SUP? Perchè?

Ho iniziato a praticare il SUP alla fine del 2011. Avevo bisogno di praticare uno sport che arricchisse i miei programmi di allenamento in vista delle Olimpiadi del 2016 (Marcus fa parte del team velistico nazionale neozelandese n.d.r.).

Come è stata la tua prima esperienza agonistica di SUP Racing?

Ho partecipato alla mia prima gara in Takapuna. Nell’occasione non potei fare a meno di chiedermi come i partecipanti più esperti potessero essere così veloci. Fatto sta che mi classificai più o meno a metà schieramento.
 
Quando sei passato al professionismo?

NSP mi ha ha seguito a lungo ed alla fine dello scorso anno, un pò per i risultati da me ottenuti, un pò per i miei programmi, mi hanno invitato ad entrare nel team.

Com’è organizzata la tipica giornata di Marcus?

In genere pratico il SUP su acqua piatta la mattina, mentre il pomeriggio alterno sessioni di Yoga/Stretching ad altre di ciclismo e di SUP Racing. Durante queste ultime mi concentro in particolare sulla tecnica, sia di virate in boa che di surfata fra i frangenti.

Pratichi altri sport acquatici?

A parte la vela, naturalmente, mi piace il Windsurfing.
 
Quali sono i competitor ai quali ti ispiri?

Troppi da menzionare!
 
Quali sono I tuoi obiettivi?

Beh, sicuramente qualificarmi per i Campionati del Mondo ISA di quest’anno con un buon piazzamento ai campionati nazionali neozelandesi (obiettivo raggiunto nel frattempo, in quanto Marcus è arrivato secondo dietro al suo mentore e collega di team Titouan Puyo n.d.r.).
 
A quali eventi parteciperai nel corso dell’anno?

Dopo il 12 Towers la prova di Noosa ed i campionati neozelandesi parteciperò alla King of the Harbour NZ, a Tokyo, agli eventi dell’Eurotour, ad alcune prove in Germania e, come ho detto, ai campionati del mondo ISA in Danimarca.
 
Obiettivi più a lungo termine?

Continuerò a lavorare sui dettagli e vedere quanto riesco a migliorarmi.
 
Quali condizioni prediligi?

Amo il feeling di scivolare sull’acqua in condizioni di mare piatto ed assenza di vento.
 
Qual’è il tuo spot preferito?

Whangarei, dove vivo, è piuttosto buono. C’è uno specchio di acqua riparato dove mi posso allenare nel SUP Racing su acqua piatta ed altri, vicini, più esposti alle mareggiate.
 
Quanto sessioni di allenamento spendi ogni settimana?

Mi alleno in acqua 6 volte a settimana, spesso due volte al giorno.
 
Quali sono secondo te i pericoli correlate alla pratica del SUP?

Soprattutto quello di essere vittima di infortuni alla schiena ed alle spalle. Il SUP Racing fra le onde è pericoloso di per sé ma tutti gli sport di scivolamento più divertenti sono pericolosi.

Qual’è il tuo SUP Race NSP preferito?

Adoro l’NSP Sonic 14’X23’’. E’ in grado di assorbire in modo perfetto i chop e proprio per questo è una fantastica tavola per il Downwind. La sua coperta incavata la rende molto più stabile di quanto la sua larghezza lascerebbe intendere.
 

Board

NZ Nationals

NSP Logo

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti