• Viaggi
  • Meteo
  • Carl Vader Blog
  • Annunci Usato
  • Reviews
  • Forum
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Tecnica
Stampa

04/07/2020

Inserito in Carl Vader Blog

Spot: Porto Pollo Sardegna, kite beach
Vento: Ovest 15/34 Nodi
Onda: assente
Tavola: Groove Wave/MHL Lift 170
Ala: Flysurfer Peak 4 4 m
Sardegna day 1

Primo surf trip di questo infausto anno caratterizzato dalla pandemia Covid Sars 19. In proposito avrei molto da dirvi e forse dovrei sfogarmi ma, come sapete, nel mio blog preferisco parlarvi solo delle mie avventure nel sesto continente. Quando la sera del 3 Luglio io e mio fratello Marco raggiungiamo il Porto di Civitavecchia la cosa pare quasi irreale, abbiamo atteso mesi per realizzare questo sogno. L’imbarco richiede un’ora e mezzo ma l’affollamento sul traghetto Moby non è certo paragonabile a quello di un analogo periodo di Luglio pre Covid. Cullato dalle onde la notte trascorre discretamente bene. Lo sbarco ad Olbia avviene anch’esso piuttosto rapidamente. Finalmente eccoci di nuovo nella splendida terra dei quattro Mori. Possiamo già intuire che il Maestrale oggi soffierà forte e la temperatura di appena 16 gradi vicino Arzachena ne è puntuale conferma. Trascorriamo la mattinata immersi nelle consuete attività, sistemazione alberghiera e saluto doveroso ai numerosi amici….è un piacere trovarci tutti di nuovo in salute. Verso le 13.00 siamo in viaggio verso Porto Pollo. La levataccia delle ore 05.30 si fa sentire ed invece di andare a visitare i più distanti spot lungo la costa dell’Aglientu decidiamo di fermarci al “Pollo”. Escludo a priori una dispendiosa ed improbabile kite airstyle session con 34 Nodi di venti super rafficato e decido di uscire con il Flysurfer Peak 4 4 m e la mia kitefoil board Groove con l’MHL Lift 170. Cosa dire? Session super divertente con il Peak che si deforma sotto le raffiche più violente a livello della trailing edge ma che non mi pone alcun problema di controllo. A questa breve session ho dedicato un video che potete osservare sul mio canale Youtube watermania1000 (gradita l’iscrizione..)

Dopo un’ora e venti la stanchezza si fa sentire, non vedo davvero l’ora di fare una doccia e riposare in attesa della prima splendida cena al Palau Hotel che, ovviamente, nel rispetto delle disposizioni per arginare la pandemia, presenta alcune novità sia in termini di procedure che di struttura. Tutto sommato tali modifiche non comportano grandi disagi, che comunque sarebbero stati ben sopportati….è troppo bello essere di nuovo qui!
Aloha and Godspeed

Stampa

29/06/2020

Inserito in Carl Vader Blog

Spot: Litorale di Latina Cancun
Vento: Ovest 12/16 Nodi
Onda: assente
Tavola: Flysurfer Radical 6 128
Ala: Flysurfer Sonic 3 15 m

Quando praticavo il tennis a livello agonistico capitava la classica giornata storta determinata soprattutto dalla stanchezza fisica, dovuta spesso ad una notte nella quale avevo dormito poco e male, ed a quella mentale, spesso conseguenza della prima. E così mi trovavo in campo con la testa quasi svuotata e se si trattava di un incontro con un avversario forte erano dolori. Ho fatto questa premessa per caratterizzare la kite airstyle session di questo giorno di fine Giugno. La notte la avevo trascorsa riposando male e sin dal mattino mi sentivo stanco. Nel pomeriggio eccomi presso il mio home spot. Il vento è poco costante, on off sotto costa, e dai primi salti pare non assicurarmi il necessario hang time per chiudere tricks complessi. Ma è soprattutto la stanchezza mentale e fisica che mi impedisce di adattarmi a quelle condizioni. Pensate, cari followers, dopo venti minuti dirigendomi verso la costa volevo fare un alto back looping, inopinatamente imposto un front looping! Fortunatamente riesco a chiudere alcune manovre interessanti ma dopo un’ora e venti minuti decido di uscire dall’acqua, inutile insistere.
Aloha and Godspeed