• Viaggi
  • Reviews
  • Meteo
  • Carl Vader Blog
  • Annunci Usato
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Tecnica
  • Forum
Stampa

20/06/2017

Inserito in Carl Vader Blog

Spot: Sardegna Porto Pollo
Vento: Levante 7/15 Nodi
Onda: assente
Ala: Flysurfer Sonic 2 18
Tavola: HF ASV/Manta
Sardegna: Surf Trip nr. 3 Day 4

Quando il Levante mantiene la direzione classica da Est a Porto Pollo si può uscire con il vento onshore mure a sinsitra. Con mio fratello decido di uscire con l’hydrofoil in questo spot poichè il vento pare piuttosto debole. Marco prepara l’Ozone Zephyr ed il suo combo RRD, per quanto mi riguarda opto per il Sonic 2 18 e l’ASV/Manta. Dopo un primo check dello spot, torniamo al parcheggio della kite beach che, quest’anno, per una fortuita coincidenza (gara di appalto ancora non conclusa) ancora non si paga. Giusto il tempo di tornare in spiaggia con le attrezzature che il vento inizia a rafficarsi. Decido di tentare la sorte con il 18 Sonic 2 pur sapendo che in condizioni di vento ultra gusty un foil kite, pur stabilissimo come il Sonic 2,  non è certo l’ideale. In effetti non mi sbagliavo, sotto costa l’ala subisce strappi pazzeschi ed anche in prossimità dell’istmo avviene la stessa cosa. Non solo, il mio piantone HF Manta è estremamente sensibile ed in condizioni over powered si trasforma in un puledro imbizzarito. A tratti sono troppo invelato e mantenere la navigazione stabilmente diventa una autentica impresa. Cerco di resistere ma, dopo un’ora il vento aumenta ancora di più e, cadendo al largo, evito un paio di stalli per miracolo. Decido così di interrompere la session mentre Marco rimane ancora un pochino in acqua. Non ho alcun dubbio, in questo spot un’ala pump è migliore di un foil e solo grazie alla enorme stabilità del Sonic 2 sono riuscito ad evitare che cadesse in acqua con effetti facilmente immaginabili. Il divertimento al solito non è mancato ed è stato condito anche da una costante scarica di adrenalina per le elevate velocità raggiunte al gran lasco.
Aloha and Godspeed

Stampa

19/06/2017

Inserito in Carl Vader Blog

Spot: Sardegna Vignola
Vento: Levante 8/15 Nodi
Onda: assente
Ala: Flysurfer Sonic 2 18
Tavola: Flysurfer Door L
Sardegna: Surf Trip nr. 3 Day 3

Ieri classica sòla...enfasi sulla “o”. Io e mio fratello eravamo affamati di onde al punto tale che abbiamo deciso di recarci lungo la distante costa che va da Marina di Sorso a Platamona, la carta delle onde mostrava infatti un metro e mezzo di altezza. Una volta sul posto era evidente che questa fantomatica swell non generava altro che un mare disordinato, choppatissimo e per giunta sferzato da un vento rafficato ed onshore. E vogliamo parlare dell’affollamento in spiaggia? Terrificante! Pensavo che nel Lazio fossimo messi male ma qui con tutta Sassari che si riversava su queste spiagge, trovare un posto dove alzare un’ala od addirittura uscire in windsurf era imposibile.  Abbiamo quindi deciso di fare una scampagnata presso la non lontana Alghero dove ero stato l’ultima volta ben diciotto anni fa. Ed anche qui una grossa deluzione. Nel passato per partecipare ad un torneo di tennis mi ero recato ad Alghero nel mese di Aprile. Trovarmi in questo 18 Giugno 2017 sul lungomare assolutamente affollato e camminare dentro una sporchissima, lurida, pineta, devastata con rifiuti di tutti i generi gettati in terra da alcuni maleducati mi ha innervosito non poco. Questo è un paradiso naturalistico che andrebbe tutelato anche con pesanti sanzioni. Al ritorno scegliamo un percorso alternativo basandoci sulle indicazioni dell’app satellitare......non l’avessimo mai fatto! Andiamo prima verso Sassari poi iniziamo a deviare molte volte verso Sud Nord e viceversa. L’ultima parte di questo fantomatico percorso ci porta verso Tempio Pausania e, nonostante la strada che mi ricorda quella che a Maui porta ad Hana, scopriamo una parte della Sardegna totalmente sconosciuta. Il giorno successivo eccoci a Vignola armati di ali grandi per regalarci la seconda kite session della vacanza. Una session caratterizzata, all’inizio, dal vento debolissimo (unici in acqua) ma che poi ci ha visto dover sopportare una forte soprainvelatura e, per quanto mi riguarda, anche una tavola (Door L) troppo grande per sciorinare i miei air tricks. Better than nothing!
Aloha and Godspeed