• Reviews
  • Forum
  • Annunci Usato
  • Carl Vader Blog
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Viaggi
  • Tecnica
  • Meteo
Stampa

04/05/2019

Inserito in Carl Vader Blog

Spot: Litorale di Latina Cancun
Vento: Ponente 7/16 Nodi
Onda: assente
Tavola: Groove Skate L carbon/MHL Lift 170
Ala: Flysurfer Peak 4 8 m

Prima session con il “terrain” kite Flysurfer Peak 4 8 m. Si tratta di un’ala single skin che nasce per uso terrestre (snowboarding, landboarding) ma che alcuni kiter sparsi in tutto il mondo stanno usando con massima soddisfazione con l’hydrofoil. Ho letto troppi commenti entusiastici su queste ali che, anche se potrebbero rimanere in acqua in caso di caduta, ho deciso di dotarmi di alcune misure: il 4, il 5 e l’8 ai quali forse seguirà l’11. Mio fratello ha già usato il 4 ed il 5 ed è rimasto letteralmente rapito da queste ali. Finalmente è arrivato il mio turno. L’ala mi impressiona subito per la sua immensa capacità di galleggiamento anche con pochissima aria. Il back stall e la sfinestrata comuni a molti foil kite, sono del tutto assenti. Il drifting infinito. La Connnect bar creata specificamente per il Peak è dotata di quinta linea e rappresenta quanto a funzionalità e confort un deciso passo avanti rispetto alle classiche Infinity bar della Flysurfer. Riesco a partire con il vento debolissimo al terzo tentativo. L’ala non è dotata del lift di un Soul o Sonic 2 ed il down loop non sprigiona la stessa potenza. Ciò nondimeno, con la corretta tecnica si riesce ad alzarsi sul foil con pochissima aria si naviga nel nulla. Dopo dieci minuti il vento aumenta sui 16 Nodi ma mi trovo ancora in pieno controllo. Nelle transizioni il down loop non causa le classiche “frustate” che spesso con ali classiche disarcionano il foiler in condizioni over powered. La barra è super confortevole e l’untwist delle linee pressochè automatico. Durante tutta la session nessun accenno di back stall o sfinestrate, anche toppando alcune transizioni. Drifting pazzesco ed una erogazione del tiro completano un quadro estremamente lusinghiero. Esco dall’acqua con il sorriso e provo il quick release: la quinta linea connessa a due briglie poste verso la trailing edge chiude l’ala a portafoglio, nessun tiro residuo, essa si adagia sulla spiaggia come un fazzoletto! Prima session da incorniciare….e dire che Marco stava fuori con il Peak 4 5m! A presto per ulteriori feedback.
Aloha and Godspeed

e-max.it: your social media marketing partner