• Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Meteo
  • Viaggi
  • Carl Vader Blog
  • Tecnica
  • Reviews
  • Annunci Usato
  • Forum
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Eventi

Stampa

Lost Mills 2014 Report

Inserito in Eventi

The Lost Mills

Cala il sipario sulla Lost Mills 2014, una delle manifestazioni agonistiche di SUP Racing più importanti fra quelle che si disputano in Europa, non a caso inserita nel contesto del “SUP Champions Tour” di cui vi abbiamo parlato in questo articolo, oltre che valevole per l’NSP Euro Tour.

L’edizione di quest’anno ha regalato un clamoroso colpo di scena nella prova finale di Long Distance, quella che si è disputata sabto scorso. Ma andiamo per ordine parlando prima della gara di venerdì che si articolava su un percorso breve di soli 200 m, non a caso chiamata “Fastest Paddler On Earth”.

 

  • Venerdì 20 Giugno “Fastest Paddler On Earth”

fastest

Ricordiamo che lo scorso anno la prova era stata vinta da un Connor Baxter apparso, fino a quel punto, praticamente imbattibile. Ebbene, quest’anno Connor si è dovuto accontentare di un secondo posto dietro ad un formidabile Danny Ching, l’unico a scendere sotto i 50 secondi, avendo percorso i 200 m del percorso con lo straordinario tempo di 47,60 secondi, vale a dire con una velocità media di 15,3 Km/h. 50,26 secondi per Connor, che a sua volta riusciva a sopravanzare di 4 decimi scarsi l’australiano Beau O’Brian, arrivato di soli 3 decimi davanti ad un sorprendente Trevor Tunnington. Al quinto posto Jake Jensen, seguito da Casper Steinfath, Zane Schweitzer, Kai-Nicolas Steimer e Leonard Nika. Fra le donne Lina Augaitis riusciva nell’impresa di battere Angela Jackson. Al terzo posto Manca Notar seguita da Sonni Hönscheid e Noelani Sach. Di seguito le classifiche maschile e femminile di questo primo evento limitate ai primi/e 10 classificati/e.

fastest

“Fastest Paddler On Earth” - uomini
  1 Danny Ching: 47.60
  2 Connor Baxter: 50.26
  3 Beau O’Brian: 50.70
  4 Trevor Tunnington: 51.01
  5 Jake Jensen: 51.27
  6 Casper Steinfath: 51.30
  7 Zane Schweitzer: 51.42
  8 Kai-Nicolas Steimer: 51.75
  9 Leonard Nika: 52.27
10 Peter Weidert: 53.23

“Fastest Paddler On Earth” - donne
  1 Lina Augaitis: 0:59.90
  2 Angie Jackson: 1:00.60
  3 Manca Notar: 1:00.90
  4 Sonni Hönscheid: 1:02.35
  5 Noelani Sach: 1:05.00
  6 Laura Quetglas: 1:06.69
  7 Silvia Mecucci: 1:09.55
  8 Sonja Duschek: 1:10.10
  9 Marion Rappl: 1:12.50
 10 Anja Gentzsch: 1:28.95

 

  • Sabato 21 Giugno 18 Km Long Distance

Podium

Dicevamo del colpo di scena, per certi versi incredibile, che segnava la Long Distance del giorno successivo. In pratica, durante le fasi centrali di gara, quasi tutti gli atleti del gruppo di testa, e quindi  i migliori, doppiavano erroneamente una boa, finendo fuori rotta di circa 400 m ed essendo quindi costretti a cercare di risalire la china partendo dal gruppone centrale. Uno dei pochi fra i “big names” a non commettere tale madornale errore, fidandosi quindi del proprio istinto, era Eric Terrien che si riconfermava così vincitore dopo l’affermazione alla Long Distance della Lost Mills 2013. Alla fine Eric esprimeva tutta la sua soddisfazione:
E’ dura osservare i 15 migliori paddler del mondo effettuare una virata in boa e non seguirli. Francamente ho avuto per un attimo la sensazione di essere io in errore ma tutto il tempo che avevo passato nello studiare il percorso ha pagato, assicurandomi una delle più inaspettate vittorie della mia carriera”.
Al secondo posto Danny Ching che come Eric non commetteva l’errore di seguire la maggior parte degli atleti del gruppo di testa.
Connor Baxter, accreditato alla vittoria finale, conseguiva un ottimo terzo posto in virtù del fatto che l’atleta mauiano era fra coloro che sbagliavano percorso e doveva faticare le fatidiche sette camicie per superare decine di concorrenti ed avvicinarsi quindi ad Eric Terrien nelle fasi finali di gara. Quest’ultimo lo sopravanzava infatti di circa due minuti, non molti se si pensa all’impatto dell’errore stesso sulla lunghezza del percorso effettivo. Al quarto e quinto posto rispettivamente Beau O’Brien e Greg Closier, mentre Leonard Nika riusciva a conquistare un buon ottavo piazzamento. Grossa sorpresa in classifica femminile, dove Angie Jackson doveva arrendersi ad una Lina Augaitis in splendida forma. Al terzo posto Sonni Hönscheid seguita da Manca Notar e Laura Queglas. Di seguito le due classifiche, limitate ai primi dieci atleti/e classificati/e, della Long Distance:

Long Distance - uomini
  1 Eric Terrien (1:39:32)
  2 Danny Ching (1:41:26)
  3 Connor Baxter (1:41:41)
  4 Beau O’Brian (1:42:07)
  5 Greg Closier (1:42:25)
  6 Stefan Stiefenhöfer (1:42:33)
  7 Chase Kosterlitz (1:42:44)
  8 Leonard Nika (1:42:46)
  9 Paul Jackson (1:42:48)
 10 Maritjn van Deth (1:42:54)

Long Distance – donne
  1 Lina Augaitis (1:48:12)
  2 Angie Jackson (1:49:12)
  3 Sonni Hönscheid (1:51:30)
  4 Manca Notar (1:55:50)
  5 Laura Quetglas (1:57:02)
  6 Silvia Mecucci
  7 Carol Scheuneman
  8 Erna Stangl
  9 Susanne Lier
 10 Marion Rappl

Tutti gli occhi degli appassionati di SUP Racing sono ora puntati sulla prossima gara della European Cup, che si terrà in Finlandia all’inizio di Luglio. Stay tuned!

nsp
lostmills
girl

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti