• Annunci Usato
  • Reviews
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Tecnica
  • Meteo
  • Viaggi
  • Carl Vader Blog
  • Forum
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Eventi

Stampa

Kai Lenny. I believe I can fly

Inserito in Eventi

frontpage

Come avevamo previsto, trovandoci a Maui in questo periodo, si è disputata la seconda prova del WSL Big Wave Tour.

La prova è stata vinta per la terza volta dal mauiano Billy Kemper, fra l’altro da poco rientrato sulla scena agonistica dopo un serissimo incidente che lo ha visto vittima lo scorso anno nello spot di Pipeline. Al secondo posto Kai Lenny che però, lo diciamo in tutta onestà, è stato l’autentico mattatore della due giorni di Jaws. Non solo per la sua notevole performance nel contest, ma anche per quella che ha offerto dopo la sospensione della gara nella prima giornata, a causa delle condizioni eccessivamente pericolose. Fra l’altro, la decisione del WSL ha scatenato comunque tutta una serie di polemiche riconducibili ad una considerazione: il Big Wave Surfing è per definizione estremamente pericoloso, con atleti che si allenano duramente tutto l’anno proprio per poter sopravvivere ai più terribili wipeout e secondo molti di essi, la decisione del WSL non aveva senso … per definizione. Resta il fatto che anche dopo tale decisione, alcuni atleti sono rimasti in acqua continuando a surfare le enormi onde di una delle più grosse mareggiate da NW ad aver mai colpito le coste esposte  delle isole Hawaii negli ultimi dieci anni. Fra essi Kai Lenny, che ha optato sagacemente per una Tow-in session. E lo spettacolo che ha offerto è stato tale da ridefinire i confini di tale sport in termini di tecnica e coraggio. Come etichettare l’incredibile aerial di Kai che documentiamo nel video in basso, se non con il banale aggettivo di “incredibile”?

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti