• Annunci Usato
  • Reviews
  • Viaggi
  • Forum
  • Tecnica
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Meteo
  • Carl Vader Blog
Stampa

01/12/2018

Inserito in Maui Blog

Spot: Kanaha Beach Park
Vento: Trade Winds 14/20 Nodi
Onda: 2 m
Ala: Duotone Neo 9
Tavola: North Hybrid 5’1 Foil Nobile
 
Lo scorso anno, nel medesimo periodo, ho praticato a Maui il kite foil ben quattro volte, e potevano essere anche di più! Quest’anno, giuntp sull’isola il 19 Ottobre il vento moderato forte e le onde non mi hanno dato tregua. Certo, molti local e turisti praticano il kite foil anche in condizioni estreme ma per me si tratta di una disciplina soprattutto adatta al vento debole, od almeno questa è al momento la mia attitudine verso di essa. E così avevo portato con me una tavola ibrida, la North Hybrid 5’1, ed un foil Nobile da usare essenzialmente nei light wind days. Eppure il desiderio di uscire con il foil a Maui, prima di rientrare nella fredda e cupa Italia, era sempre vivo, perfino ora che questo meraviglioso surf trip sta per concludersi. E così oggi pareva proprio che i Trade Winds si prendessero una piccola pausa tanto che quando io e mio fratello giungiamo a Kanaha Beach Park, fuori ci sono solo kite e wind foilers. Mentre mi trovo nella penultima area di parcheggio, quella riservata ai windsurfisti, inizio a preparare il foil ed il 12  Neo che porterò con me alla kite beach. Prima di raggiungere lo spot mi reco nuovamente in spiaggia ad osservare le condizioni, l’istinto mi suggerisce di cambiare misura dell’ala e prendere il 9! Marco invece uscirà con il nuovo Naish Boxer 11 e la Naish Skater 5’3. Mi trovo presso School Beach la prima area kiteboarding posta sulla sinistra di Lowers. Il vento è aumentato ed ora quasi mi viene voglia di smontare il foil, fissare le pinnette e togliere le straps alla North Hybrid. Ma ormai in dado è tratto: uscirò in foil. Mi allontano in body drag dal basso fondale prospiciente la spiaggia ed inizio così la session. I primi quindici minuti pare che sia tornato ad essere un principiante! Il combo foil delfina non consentendomi alcuna possibilità di controllo. Inoltre devo gestire la sopra invelatura. Alcuni forti foiler stanno usando ali che vanno da 5 a 7 m! Il Duotone Neo 9 tira come un treno e devo agire sul trim della Click Bar depotenziando al massimo l’ala. Finalmente dopo alcune belle cadute inizio a riprendere confidenza con questa disciplina. Di certo la posizione del foil sulla carena della Hybrid è studiata per un foil North e non Nobile. Inoltre mi dà fastidio la lunghezza della tavola e le straps poste in linea (mi ero abituato alle tre straps). Che il trim non sia corretto è denotato dal dolore muscolare che provo alla gamba posteriore ed alla necessità di apportare correzioni continue alla distribuzione dei pesi sul deck. Ma sono un capoccione, mi impegno moltissimo per trovare un compromesso, sia in termini di stance che di velocità. E qui inizia il  vero divertimento, mi sento in grado di affrontare anche le onde “bucando” il break, è la mia prima vera wave foil session. Cosa fare quando scendo un’onda? Ebbene inizialmente provo qualche turn down the line ma la tavola troppo grossa non mi fornisce la necessaria agilità nell’accennare il cut back. Preferisco così cambiare strategia e scendere le pareti in back side. Proprio durante questa fase cavalco un’onda discretamente alta; mentre sono su di essa osservo con terrore il reef…..l’onda sta risucchiando l’acqua da esso e la profondità cala vistosamente! Purtroppo non posso fare nulla, è troppo tardi, posso solo sperare che il foil non tocchi il corallo, ma le cose vanno ben diversamente e la catapulta storica è inevitabile. Il botto è tremendo…..penso di aver distrutto l’ala anteriore ma in realtà devo preoccuparmi di un’altra cosa: ora la tavola si trova esattamente dietro di me e l’onda successiva potrebbe scagliarmela addosso! Non faccio in tempo a voltarmi che la vedo passarmi come un proiettile ad un metro di distanza, trascinata via dalla schiuma. Se mi avesse investito, pur indossando il caschetto, me la sarei vista brutta, garantito! Torno a riva per esaminare l’ala anteriore del foil, incredibile ma vero, ha solo riportato qualche graffietto, in effetti il reef lo ha toccato la piccola pinnetta direzionale in G 10 posta sotto allo stabilizzatore. Anch’essa denota solo qualche graffio. Rinfrancato rientro in acqua e mi regalo una mezz’oretta per finalizzare questa bella giornata di kite chiudendo un paio di back roll. Nonostante le difficoltà iniziali e la botta epica, mi sono divertito moltissimo e posso celebrare la mia prima wave kite foil session. Maui No Ka Oi!
Aloha and Godspeed

e-max.it: your social media marketing partner