• Carl Vader Blog
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Tecnica
  • Reviews
  • Forum
  • Meteo
  • Viaggi
  • Annunci Usato
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Meteo/Mare

Stampa

Dopo El Niño arriva La Niña?

Inserito in Articoli Meteo, Mare

frontpage

Ormai conosciamo gli effetti, peraltro ampiamente attesi, causati dal fenomeno noto come El Niño nell’Emisfero Nord.

Mareggiate enormi negli Oceani, tempo maggiormente perturbato e più mite laddove invece l’Inverno è più freddo … la lista è lunga! Qui nel Mediterraneo El Niño ha fatto la felicità di noi appassionati di SUP Surfing nei Bacini di Ponente, fatto questo che vi avevamo anticipato parlando di tale anomalia che è di natura ciclica e quindi per definizione caratterizzata da episodi limitati nel tempo, tipicamente aventi durata di alcuni mesi. Anche questa parentesi di El Niño arriverà quindi a conclusione. A tal proposito, le ultime analisi della temperatura superficiale delle acque del Pacifico Centrale (ricordiamo che El Niño comporta un loro anomalo aumento) effettuate dall’istituto statunitense del NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) stanno iniziando a far registrare un calo significativo e quindi un indebolimento di tale fenomeno. I dati raccolti stanno dunque confermando le stime del NOAA e quindi un ritorno a condizioni normali che dovrebbe avvenire nel giro dei prossimi mesi. D’altro canto, le statistiche sugli episodi passati di tale anomalia mostrano in modo incontrovertibile che quelli di maggiore intensità sono sempre stati seguiti dal fenomeno opposto, quello cioè noto come La Niña e quindi caratterizzato da un raffreddamento anomalo delle acque superficiali dell’Oceano Pacifico Centrale. La carta previsionale che vi proponiamo in basso contempla proprio questa ipotesi.

 

El Nino/La Nina 2016

Naturalmente è ancora presto per confermare o meno tale evoluzione. Resta il fatto che El Niño è in fase di costante indebolimento e naturalmente continueremo a fornirmi aggiornamenti al riguardo, tali e tante sono le implicazioni di tali anomalie a livello di climatologia su scala mondiale. Per chi volesse approfondire, la URL dell’ultimo bollettino del NOAA è la seguente.

http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/analysis_monitoring/enso_advisory/ensodisc.html

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti