• Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Forum
  • Reviews
  • Viaggi
  • Tecnica
  • Meteo
  • Annunci Usato
  • Carl Vader Blog
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Meteo/Mare

Stampa

Le correnti di risacca (Rip Currents)

Inserito in Articoli Meteo, Mare

frontpage

Le correnti di risacca mietono purtroppo centinaia di vittime in tutto il mondo ogni anno.

Quando si parla di correnti di risacca ci si riferisce non solo a quelle che possono interessare i beach break e quindi i tratti di mare con fondale sabbioso, ma anche i reef break, in questo caso laddove esistono canali fra i reef dove l’acqua è più alta. La pericolosità di tali correnti va ricercata sia nel fatto che esse possono trascinare il malcapitato, anche su una SUP board, piuttosto al largo che nella loro forza che è piuttosto intensa con mare formato. L’immagine che vi proponiamo di seguito, realizzata dall’Istituto oceanografico e meteorologico statunitense (NOAA), è estremamente istruttiva sul come comportarsi se si viene catturati da una corrente di risacca.

Rip Currents DO&DON'T by NOAA

Cosa fare quindi, per gestire tali situazioni di difficoltà?

  • Per prima cosa NON contrastare mai la corrente nuotando contro di essa. Il perché va ricercato, ancora una volta, nella forza delle Rip Current che rende di norma anche ad un nuotatore esperto estremamente arduo il compito di nuotare contro di esse per riguadagnare la riva;
  • Da quanto appena visto nella prima raccomandazione occorre ASSECONDARE la corrente di risacca nuotando a suo favore o facendosi semplicemente spingere da essa al largo per poi allontanarsi lateralmente dalla zona in cui si la corrente si è esaurita, a destra o a sinistra non importa, ed iniziare poi a nuotare verso riva;
  • Se non si è in grado di nuotare rimanere semplicemente a galla e richiedere assistenza nel caso in cui siano presenti altri bagnanti o bagnini.

La regola forse più importante non scritta nell’opuscolo del NOAA è quella di non FARSI MAI PRENDERE DAL PANICO IN ACQUA. Ricordate: la condizione di panico, più delle situazioni oggettive di pericolo che si possono presentare in acqua, è quella da evitare in modo assoluto!

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti