• Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Forum
  • Tecnica
  • Reviews
  • Annunci Usato
  • Carl Vader Blog
  • Meteo
  • Viaggi
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!
Stampa

La soluzione recessed deck nelle tavole Sonic Race NSP. Pros&Cons

Inserito in Latest

frontpage

Nel panorama delle tavole destinate al SUP Racing professionistico le tavole NSP della serie Sonic sono sicuramente quelle che più ricordano una canoa per via dell’area di stance fortemente incavata.

In effetti tali tavole, se è vero che non sono le uniche ad evidenziare tale soluzione, sono certamente quelle che la portano alle estreme conseguenze. Infatti, nel caso delle tavole Sonic l’area di stance è un vero e proprio incavo delimitato anche longitudinalmente da bordi rialzati mentre, ad esempio, Starboard nella linea All Star ha optato per un’area di stance semplicemente abbassata rispetto al resto dello shape ma l’assenza di bordi rialzati non ha permesso certo di esagerare in tal senso. Infatti, in quest’ultimo caso è evidente che un massivo abbassamento dell’area di stance comporterebbe un fastidioso ed inefficiente flusso di acqua proprio in tale area. Ovviamente, nel caso in cui tale area sia effettivamente protetta dai bordi della tavola, come nel caso dei Sonic Race di NSP, sono comunque presenti delle fessure atte ad assicurare il drenaggio dell’acqua che fatalmente entra nella recessed deck in presenza di forte increspatura.

NSP Sonic

  • Vantaggi e svantaggi

Quali sono allora i vantaggi che derivano dalla adozione di questo approccio progettuale? Ne citiamo principalmente due. A livello di shape la tavola risulta essere anche meno voluminosa e quindi più leggera ed in termini di performance ciò si riflette in maggiore agilità e velocità. Inoltre pagaiare più in basso su una tavola si traduce in un guadagno di stabilità laterale grazie all’abbassamento del baricentro che ne consegue. E gli svantaggi? Diciamo che quello più ovvio è connesso alla possibilità di subire contusioni in caduta e alla maggiore difficoltà di risalita che risulta facilitata con entrambi le mani libere, tant’è che i paddler racer che gareggiano con queste tavole preferiscono prima appoggiare la pagaia all’interno dell’area incavata per poi essere facilitati nella risalita stessa.  

Paddler

  • Conclusioni

Che l’approccio seguito da NSP comporti indubbi vantaggi per il SUP racer è fuor di dubbio e a testimoniarlo sono i notevoli risultati agonistici conseguiti da tutto l’NSP racing team, che comprende atleti del calibro di Mr. M2O Travis Grant e Titouan Puyo, tanto per fare due nomi. Siamo sicuri che altri brand seguiranno tale trend di natura progettuale in futuro e che quindi le tavole destinate al SUP Racing assomiglieranno sempre di più alle canoe.
Di seguito un video che mostra Travis Grant in azione su un NSP Sonic Race 14’.

Logo NSP

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti