• Reviews
  • Annunci Usato
  • Viaggi
  • Forum
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Carl Vader Blog
  • Meteo
  • Tecnica

Music to paddle with

Stampa

Settembre 2016. Marillion - "F.E.A.R."

Inserito in SUP Music

Marillion Fear

La nostra raccomandazione musicale del mese è “F.E.A.R.”, ultimo album della band britannica Marillion. Leggi tutto: Nuova collezione Hibiscus da Railsaver PRO!

Molti appassionati di musica pensano ancora ai Marillion in termini di cloni dei primi Genesis, quelli in cui Peter Gabriel ne era ancora la voce. Tuttavia questo accostamento è assai lontano dalla realtà. Tanta acqua è passata sotto i ponti da quando la Band pubblicò il primo album nel 1982. Se infatti è vero che all’epoca del loro esordio le composizioni del gruppo musicale richiamavano il prog rock dei Genesis, lo è altrettanto il fatto che da allora il loro sound è andato via via evolvendo, tanto che oggi è accostato a quello di Band come i Talk Talk, Radiohead, Keane e Crowded House. Questo processo evolutivo ha in effetti subito una forte accelerazione quando l’istrionico Fish, alter ego di Peter Gabriel nei Genesis, lasciò la band nel 1988 per intraprendere una carriera solista dalle vicende rivelatesi poi alterne. Fish fu infatti sostituito dall’assai più duttile Steve Hogarth nel 1989. Con il contributo di “H” (questo il nickname di Steve), l’approccio stilistico dei Marillion virò decisamente verso i territori – fino ad allora quasi inesplorato dalla Band – del Pop Rock e del New Wave, anche se il gruppo musicale non avrebbe mai abbandonato completamente quel sound tipicamente Progressive che ne aveva caratterizzato i primi lavori. La Band è oggi formata dal cantante Steve Hogarth, dal chitarrista Steve Rothery, il bassista Pete Trewavas , il tastierista Mark Kelly ed il bassista Ian Mosley.  “FEAR”, è l’ultimo studio album pubblicato dalla band proprio quest’anno.

album cover

FEAR possiede, in termine di tematiche trattate, una forte connotazione politica. A scanso di equivoci, non siamo interessati ad osannare o criticare la band per i loro giudizi su di esse. Possiamo infatti condividerne alcuni ed essere completamente in disaccordo su altri. Ci limiteremo quindi ad aggiungere che tali problematiche che affligono la nostra società sono viste con estremo pessimismo dalla band e ciò si riflette sul tono complessivo dell'album, estremamente passionale e caratterizzato ora da tristezza, ora da rabbia, ora da un senso di, appunto, paura. Non abbiamo menzionato quest'ultimo termine a caso: sebbene esso possa essere considerato il titolo dell'album, in realtà la parola Fear è usata anche come acronimo di F*** Everyone And Run. Ciò premesso, l'album è basato su 5 lunghe tracce, di fatto suite, che sono quindi divise in varie parti, estremamente variegate in termini di atmosfere musicali. L'approccio melodico dei Marillion "targati" Steve Hogarth è presente ma non raggiunge neanche lontanamente i livelli toccati, ad esempio, da quello che caratterizza Marbles, tanto per citare quello che a nostro avviso è il capolavoro del gruppo musicale. Ascoltando l'album per la prima volta, infatti, si ha quasi l'impressione che esso proponga il sound di una colonna sonora, tant'è che si possono riscontrare qua e là sonorità proprie di uno dei maestri assoluti del genere, Thomas Newman, noto al grande pubblico per aver composto, fra le altre, le colonne sonore di "American Beauty" e "Le Ali della Libertà". Detto questo, il tratto comune di tutti i brani, sia pure basati su stili musicali piuttosto diversi fra loro, è comunque rappresentato dalla sofisticazione degli arrangiamenti che ne fanno un album prodotto in modo impeccabile. Ovviamente parliamo di brani non immediatamente accessibili ma che richiedono, per essere apprezzati pienamente, multipli ascolti. Possiamo però garantirvi che ne vale assolutamente la pena. Questa volta non faremo alcuna menzione di quelli  che a nostro avviso sono gli highlight di un album, nella fattispecie, dalla natura strettamente concept e che come tale, nella sua coesione, va ascoltato ed apprezzato. In ogni caso, sia che siate interessati, come noi, esclusivamente alla parte musicale, sia che invece vi interessi la visione politica della band, FEAR può essere visto come il miglior album pubblicato dalla band dopo Marbles e, non fosse altro che per questo, ne raccomandiamo assolutamente l'ascolto, anche durante le nostre pagaiate in solitaria!

Indice dei brani

   1. El Dorado
   2. Living in F E A R
   3. The Leavers
   4. White Paper
   5. The New Kings

Genere: Prog Rock, New Wave, Pop 

 
Il sito della band è

http://www.marillion.com

Il CD può essere acquistato, in formato mp3, su Amazon.uk al seguente indirizzo:

https://www.amazon.co.uk/F-E-R-Marillion/dp/B01HC94ADE/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1475056375&sr=8-1&keywords=marillion+fear

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti