• Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Reviews
  • Tecnica
  • Forum
  • Annunci Usato
  • Meteo
  • Carl Vader Blog
  • Viaggi

Music to paddle with

Stampa

Novembre 2016. The Pineapple Thief - Your Wilderness

Inserito in SUP Music

frontpage

La nostra raccomandazione musicale del mese è Your Wilderness undicesimo album della band britannica The Pineapple Thief. Leggi tutto: Nuova collezione Hibiscus da Railsaver PRO!

La band fu formata, inizialmente come un progetto musicale solista, da Bruce Soord nel 1999. Alla fine di quello stesso anno Bruce pubblicò, sotto la sua label Cyclops Records, il primo album, intitolato “Abducting the Unicorn”. Esso ottenne nel complesso eccellenti critiche nell’ambito della scena musicale neo prog, oltre a riscuotere un buon successo commerciale. Al contempo, il talento mostrato dall’artista in questa sua prima release iniziò a richiamare l’interesse di importanti case discografiche, anche se i successivi album “137” e “Variations on a Dream”, continuarono ad essere pubblicati, rispettivamente nel 2002 e 2003, da Cyclops Record. Furono proprio questi due album, in particolare l’ultimo, a dare al progetto musicale quel rilievo, anche internazionale, che convinse l’eclettico compositore a formare una vera e propria band, anche in vista di successivi tour live che l’avrebbero poi vista impegnata. Fu quini così che Bruce “arruolò” alcuni suoi vecchi colleghi di università, con cui peraltro aveva già collaborato in progetti musicali, vale a dire Jon Sykes (basso), Wayne Higgins (chitarrà), Matt O’Leary (tastiere), che fu poi sostituito da Steve Kitch dopo un anno, and Keith Harrison (percussioni). Fu nel 2004 che la band in quanto tale pubblicò il primo album, “12 Stories Down”, che fu accolto da un notevole successo di critica. Nel 2008 la band firmò per la casa discografica Kscope (una costola della Snapper Music) e pubblicò l’album della definitiva consacrazione, intitolato “Tightly Unwound”. Sin dai primi album lo stile musicale della band è stato accostato spesso ai primi Radiohead, ai Muse e agli stessi Porcupine Tree, ma esso non può certo considerarsi derivativo ed anzi esso ha col tempo raggiunto dei connotati del tutto peculiari. L’ultimo album pubblicato dai The Pineapple Thief è appunto “Your Wilderness”, oggetto della nostra breve recensione.

album cover

Nell’occasione la band si è avvalsa di collaboratori del calibro di Gavin Harrison (Porcupine Tree), John Helliwell (Supertramp), Geoffrey Richardson (Caravan, Penguin Cafe Orchestra) e Darran Charles (Godsticks). In particolare, Gavin Harrison alle percussioni arricchisce non poco il sound della band che comunque si mantiene sempre estremamente melodico e contemplativo. Dopo tutto il tema dell’album è può essere riassunto nel senso di solitudine, isolamento di contemplazione che proviamo quando ci troviamo in zone selvagge sconfinate. Proprio per questo il ritmo delle canzoni è spesso lento intervallato di tanto in tanto da momenti più ritmati che comunque non sconfinano mai negli eccessi prog-rock di un tempo. Gli highlights dell’album sono “No Man’s Land”, “That Shore” e “Where We Stood”. Canzoni consigliatissime per accompagnarci durante le nostre pagaite in solitaria.



Indice dei brani

   1. In Exile
   2. No Man’s Land
   3. Tear You Up
   4. That Shore
   5. Take Your Shot
   6. Fend For Yourself
   7. The Final Thing On My Mind
   8. Where We Stood

Genere: Progressive Rock, Pop 

 
Il sito della band è

http://pineapplethief.com/

Il CD può essere acquistato, in formato mp3, su Amazon.uk al seguente indirizzo:

https://www.amazon.co.uk/Your-Wilderness-Pineapple-Thief/dp/B01FHT2QKU/ref=sr_1_1?s=music&ie=UTF8&qid=1480269222&sr=1-1&keywords=the+pineapple+thief

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti