• Reviews
  • Annunci Usato
  • Viaggi
  • Forum
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Carl Vader Blog
  • Meteo
  • Tecnica
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Tecnica

Stampa

Upwind SUP: la pagaiata controvento

Inserito in Tecnica

Upwind SUP

Prendo spunto da una delle domande e relativa risposta presente nella sezione FAQ del portale: si può pagaiare controvento? Pagaiare controvento è come pedalare con una bicicletta in salita!

Se si è allenati si può remare contro vento se questo soffia fino a 18 nodi circa. Nell’eventualità in cui si venga sorpresi da vento forte da terra e non si riesca a raggiungere la costa in posizione eretta, pagaiare inginocchiandosi sulla tavola in modo tale da opporre una superficie inferiore al vento. Se anche questo rimedio non dovesse produrre risultati, pagaiare con le braccia da posizione distesa sulla tavola come si farebbe su una normale tavola da Surf.

  • Il trucco: pagaiare in Surfing Stance o Hybrid Stance

Senza arrivare a questa ipotesi pessimistica, a tutti i paddler prima o poi capiterà di remare in direzione opposta a quella del vento, tipicamente nel Cruising ma anche nel Surfing, ad esempio uscendo con vento onshore. I più esperti si saranno comunque resi conto dell’esistenza di un trucco che può rendere più efficiente la pagaiata controvento. Partendo dall’ovvio assunto che l’obiettivo è quello di ridurre la superficie del corpo esposta direttamente al vento, ciò può essere fatto passando dalla stance di pagaiata a quella di surfata o ad una a metà strada (la Hybrid stance), così come, sempre per rimanere all’allegoria del ciclismo, il biker fa abbassandosi verso il manubrio in presenza di vento contrario. Ciò comporta comunque due problemi: il primo, ovvio, è di equilibrio, visto che la stance di surfata nella fase di remata è intrinsecamente meno stabile. Il secondo ha a che vedere con il Row Factor. Abbiamo infatti visto che questo può essere limitato, se non proprio annullato, pagaiando dal bordo sottovento della tavola (il bordo opposto a quello della direzione del vento). Alla luce di questa considerazione, appare evidente che se la stance di surfata e, in misura inferiore quella ibrida, implicano in modo naturale la remata da tale bordo, allora risalire il vento può diventare sicuramente più agevole visto che saremo in grado al tempo stesso di ridurre il Row Factor e di opporre meno resistenza all’avanzamento. Viceversa, se la stance di surfata privilegia nella pagaiata il bordo sopravvento, allora assumendola, se anche saremo in grado di ridurre la superficie del corpo esposta al vento, l’esaltazione del Row Factor può rendere la remata assai disagevole. La soluzione è naturalmente quella di alternare pagaiate sul bordo della stance ad altre su quello opposto, cioè in Switch Stance. In quest’ultimo caso l’equilibrio è davvero precario ed il livello di esperienza richiesto per diventare padroni della tecnica è notevole.

  •  Raccomandazioni 

Vorrei anche cogliere l’occasione per sottolineare il fatto che se non si è sufficientemente allenati a livello fisico, risalire direttamente il vento con una tavola da SUP, qualsiasi sia la tecnica impiegata, può rivelarsi davvero impresa improba già a partire da una intensità del vento stesso di circa 10 nodi. Si raccomanda pertanto la massima cautela ai soggetti meno allenati. In particolare vorrei una volta di più raccomandare di NON USCIRE MAI CON VENTO DA MODERATO A FORTE DA TERRA e quindi di mantenersi costantemente aggiornati sulle previsioni meteo.

  •  Conclusioni 

In conclusione, la stance di surfata nel risalire il vento è la più efficiente ai fini della minimizzazione dello sforzo ma richiede comunque una certa esperienza.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti