• Viaggi
  • Carl Vader Blog
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Annunci Usato
  • Reviews
  • Meteo
  • Tecnica
  • Forum
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Tecnica

Stampa

Il Take Off

Inserito in Tecnica

 

Paddling
Pic by Alfonso Picchioni

Non tutti gli aspiranti paddler inizieranno a praticare il SUP con l’obiettivo di surfare le onde, ma sicuramente questo aspetto non potrà passare inosservato a lungo anche da parte di chi all’inizio sarà, appunto, più concentrato sugli aspetti Fitness e Cruising. Proprio per questo abbiamo voluto iniziare a parlarvi del momento più importante del Wave Riding, quello cioè in cui si prende l’onda da surfare, perché, come dice uno dei più grandi surfisti viventi, il leggendario Greg Noll, “if you can’t catch the wave nothing else matters”, cioè, se non si riesce a prendere l’onda nient’altro conta …

Il Take Off risulta facilitato su una tavola SUP, visto che ci si trova già in posizione eretta sulla tavola e la spinta della pagaia è superiore a quella che può essere assicurata dalle braccia e dalle gambe del Surfer. Inoltre, le tavole più grandi, come quelle da Stand Up Paddling, hanno l’attitudine a prendere l’onda in anticipo rispetto alle normali surfboard. Ciò però non significa che il Take Off sia in assoluto facile sun una SUP board. Esiste infatti una tecnica che va appresa ed affinata gradualmente, fermo rimanendo che il Paddler che intende cimentarsi nel Wave Rinding deve necessariamente già possedere una buona tecnica di base ed un buon equilibrio.

  •  Raccomandazioni

Non tentare i primi Take Off in spot frequentati da bagnanti e da altri surfisti ed indossare il Leash. Le prime onde che tenteremo di surfare dovranno essere necessariamente piccole, al massimo di un metro. Inoltre, cosa importantissima, mai trovarsi dietro la tavola con quest’ultima posizionata verso i frangenti.

  • Stance: Paddling Stance, Regular, Goofy

Partiamo dalla semplice considerazione che la classica posizione che si assume pagaiando, quella con i piedi paralleli nel senso trasversale sulla tavola, non va bene per il wave riding. Occorre infatti posizionarsi in senso longitudinale sulla SUP board, esattamente come si farebbe su una tavola da Surf. Ciò premesso, il quesito successivo è il seguente: quale gamba andrà posizionata verso la prua della tavola? Semplice, dipende dalla vostra Stance naturale. Sinistra in avanti, Stance Regular, destra, Stance Goofy. La maggior parte delle persone sono naturalmente, per definizione, Regular. Comunque, per capire in quale di queste due categorie si cade, ci si può far aiutare da un amico che ci farà la "cortesia" di spingerci alle spalle mentre rimaniamo in piedi a gambe vicine fra loro. La gamba che istintivamente metteremo in avanti per bilanciarci è quella che andrà posizionata anteriormente nella stance.

  • Preparazione

La prima cosa da fare - può sembrare banale ma non lo è affatto ... - è raggiungere la Lineup, cioè più o meno il punto in cui frangono le onde. Nel caso di Beach Break, cioè spot con fondale sabbioso in cui sono assenti canali di uscita dove le onde sono più piccole oppure addirittura assenti, questo comporta che dovremo affrontare le onde e superarle. A tal proposito vi sono alcune tecniche di cui parleremo diffusamente in un prossimo articolo. Nella fattispecie, uscendo con onde piccole per tentare i primi Take Off, si consiglia di assumere la posizione di pagaiata in ginocchio, come nella figura in basso, che ci consentirà di superare senza troppe difficoltà break di circa mezzo metro di altezza.

Paddling out


Tornando al Take Off, senza una buona preparazione il più delle volte esso si risolverà nella perdita dell’onda, oppure in una caduta (Wipeout). Vediamo quindi come prepararlo correttamente. Come abbiamo premesso, le tavole da Stand Up Paddling sono piuttosto lunghe e tendono a prendere l’onda in anticipo rispetto a tavole da onda piccole (shortboard). Questo significa che in questa fase preparatoria del Take Off potremo posizionarci indietro, anche di un 5-6 metri, rispetto alla lineup. Dopo aver raggiunto questo punto ideale, occorre ruotare la prua della tavola verso la costa ed in posizione perpendicolare rispetto alla linea immaginaria formata dal frangente o leggermente disassata di un 10-15 gradi a destra o a sinistra rispettivamente per i Regular e i Goofy. Questo è un piccolo trucco che servirà a compensare il Row effect, cioè la tendenza della tavola a curvare in direzione opposta al lato di pagaiata.
Con la tavola posizionata correttamente, voltarsi verso il largo per individuare l’onda da prendere. Il tutto può essere fatto mantenendo la posizione di Paddling ma si raccomanda di assumere già, a questo punto, la stance di surfata come nella figura seguente.

Take off setup

Resta inteso che il lato di pagaiata sarà il destro per i Regular ed il Sinistro per i Goofy, fermo rimanendo che un paddler esperto può tranquillamente prendere l’onda pagaiando in Switch Stance, cioè dal lato opposto, anche se in modo ovviamente meno efficace.
Detto della Stance è anche importantissimo parlare della posizione assunta dal paddler sulla tavola in senso longitudinale. A tal proposito occorre osservare che una posizione più avanzata favorisce il Take Off, soprattutto su onde piccole-medie. La figura in alto mostra appunto quale dovrebbe essere la posizione iniziale per effettuare con successo il Take Off su onde piccole. 

 La pagaiata

Una volta individuata l’onda sulla quale tentare il Take Off, occorrerà necessariamente prendere velocità sufficiente per essere “agganciati” dall’onda stessa. E’ come se si volesse salire sul vagone di un treno che è appena partito: è necessario farlo in movimento e quindi approssimare la propria velocità a quella del convoglio per farlo. Questo concetto si applica in tutto e per tutto al Take Off. A meno di non trovarsi esattamente sulla Lineup e quindi se si intende sfruttare la propensione di una tavola da SUP a prendere in anticipo le onde, occorre guadagnare la maggiore velocità possibile, tenendo presente che onde grandi sono anche più veloci. Quindi, una volta assunta la stance, posizionato correttamente la tavola e selezionata l’onda con anticipo, iniziare a pagaiare velocemente subito dopo che l’onda che la precede è passata, in modo tale da avere l’abbrivio necessario per il Take Off. La frequenza della pagaiata deve essere quindi elevata a discapito della sua ampiezza: abbiamo infatti bisogno di accelerazione. In genere pochissime remate sono sufficienti a lanciare la tavola sull’onda. Nella figura seguente si  vede come il peso del corpo è spostato in avanti durante la pagaiata. La pala del remo è immersa completamente in acqua per la maggiore spinta possibile. Anche lo sguardo è naturalmente rivolto in avanti.

Paddling

  • La planata

A questo punto, se tutto è andato bene, la tavola avrà guadagnato sufficiente velocità da farvi planare nel cavo dell’onda. E' quindi il momento di spostare il peso verso poppa, sia per ridurre la superficie bagnata ed evitare ingavonamenti nel caso di onde particolarmente ripide, sia allo scopo di curvare sull’onda effettuando quella basilare manovra del wave riding che si chiama Bottom Turn, ma di questo parleremo in un prossimo articolo. Un ultimo trucco: se vi trovate su un’onda lunga ma la state perdendo riguadagnate una posizione più avanzata ed eventualmente pagaiate per riguadagnare velocità.

Paddling
All pics by Alfonso Picchioni

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti