• Carl Vader Blog
  • Annunci Usato
  • Forum
  • Tecnica
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Viaggi
  • Meteo
  • Reviews
Stampa

L'evoluzione della specie: le tavole Pro

Inserito in Tecnologia

SUP Pro boards

L’evoluzione delle tavole destinate allo Stand Up Paddle Surfing ha prodotto e sta producendo nuove tipologie di tavole, come le  SUP shortboard, tavole molto corte che esprimono al meglio le loro potenzialità  soprattutto nei beach break.

Gli “Egg Shape”

Quello del rimpicciolimento, o downsizing, delle tavole SUP surfboard è stato un fenomeno che fino ad oggi si basava su un semplice canone progettuale: diminuire la lunghezza ed il volume e mantenere inalterata, se non proprio aumentandola, la larghezza. E’ infatti ovvio che tavole più piccole e meno voluminose devono assicurare comunque una soddisfacente stabilità laterale al Stand Up Paddle Surfer, compito che viene assolto da una maggiore larghezza relativa (rispetto alla lunghezza). In sostanza stiamo parlando degli “egg shape” ormai molto popolari fra gli appassionati di tutto il mondo. Di seguito un classico Egg shape shortboard,il Gong Angel 6'4'' di cui pubblicheremo presto un completo review:

Gong Angel


Le tavole Pro


Parlare di downsizing con il solo riferimento alla lunghezza e volume è tuttavia ormai anacronistico in quanto da tempo gli shaper si stanno concentrando sulla riduzione della larghezza delle tavole progettando tavole dalla vocazione fortemente pro e quindi rivolte a SUP surfer particolarmente preparati. L’obiettivo dei progettisti è quello di aumentare la velocità di surfata e la proiezione verticale di una tavola e quindi la sua radicalità. Non vi sarà sfuggito che gli shape pro hanno larghezze non superiori a 28’’, spesso nell’ordine dei 27’’.  E’ anche interessante notare che invece la lunghezza di queste tavole non è mai inferiore ai 7’, attestandosi quasi sempre fra 7’6’’ e 8’. Ebbene, da alcuni mesi i team rider stanno testando prototipi estremamente stretti, addirittura sotto i 26 pollici, circa 66 cm come la tavola utilzzata nel seguente video dal nuovo acquisto dello Starboard SUP Team, Benoit Carpentier, larga intorno ai 24’’ (60 cm)!

ASi potrebbe facilmente obiettare che Benoit è giovanissimo e che il suo peso difficilmente eccede i 60 Kg. Tale osservazione si scontra però con il semplice fatto che atleti più pesanti, come Zane Schweitzer (il vincitore dell’esibizione di SUP Surfing svoltasi ad Abu Dhabi recentemente) stanno impiegando con profitto tali shape.Di seguito due fra le più popolari tavole pro, il Naish Hokua 8'0'' e lo Starboard Pro 8'0'' Brushed Carbon.

Naish Hokua 8 and Starboard Pro 8


Gli svantaggi delle tavole pro

E’ del tutto ovvio che la stabilità laterale degli shape pro è nettamente inferiore a quella di tavole più accessibili ma c’è da fare anche un’altra considerazione: la tecnica di SUP Surfing e di pagaiata su tavole strette continua a progredire ed oggi sicuramente un crescente numero di appassionati è in grado di utilizzare tavole meno stabili ma più performanti in surfata. Anche questi ultimi dovrebbero comunque sempre tenere in giusta considerazione le condizioni che in media caratterizzano i propri homespot. Se esse sono spesso caratterizzate da vento e chop sostenuti, optare per una tavola intrinsecamente instabile può rendere le uscite estremamente faticose, se non proprio frustranti. Perchè disporre di una tavola migliore in surfata – a patto di saperla sfruttare - quando la pagaiata ed il superamento dei frangenti (soprattutto nei beach break) comportano molte ed inevitabili cadute?  D’altro le tavole pro rappresentano una evoluzione significativa nel campo dei materiali destinati allo Stand Up Paddle Surfing. Proprio per questo stiamo pianificando il test di alcuni di questi shape. Prima di passare alle conclusioni, vale la pena ricordare che anche le tavole SUP pro Racing Stock Class e Open sono sempre più strette, tanto che sono oggi disponibili modelli di 23,5 pollici di larghezza! Ma di questo parleremo in un prossimo articolo..


Conclusioni


Le tavole SUP Surfboard più estreme destinate al SUP surfer professionista rappresentano sicuramente una evoluzione importante e sotto certi versi inevitabile nel campo dei materiali destinati allo Stand Up Paddle Surfing. La loro maggiore radicalità comporta però un prezzo da pagare. Infatti, contrariamente a molti Egg Shape, le tavole pro sono molto strette e possiedono volumi limitati, combinazione che le rende piuttosto instabili, senza considerare che un maggiore skill è richiesto al paddle surfer per poterne sfruttare le doti di surfata. Infine, questi shape danno il meglio di sé in condizioni di onda glassy e potente ma, con i limiti di cui prima, possono essere usate anche in beach break.

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti