• Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Annunci Usato
  • Carl Vader Blog
  • Meteo
  • Tecnica
  • Viaggi
  • Forum
  • Reviews
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Tips & Tricks

Stampa

Realizziamo una rastrelliera DIY

Inserito in Tips & Tricks

frontpage

In Inglese DIY è acronimo di Do It Yourself. Il “fai da te” può in effetti farci risparmiare denaro, oltre ad essere particolarmente appagante. Ebbene, oggi vi proponiamo il progetto di una rastrelliera (rack) per tavole SUP/Windsurf/Kite.

  • Introduzione

Le tavole da SUP, tranne quelle gonfiabili, sono piuttosto ingombranti e non certo facili da trasportare. Non solo, proprio in questa fase esse possono subire danni, quali ad esempio bozzetti o cricche dovuti ad urti o forti pressioni. Anche disponendo di un furgone, che è l’ipotesi dalla quale partiamo in questo articolo, il poter disporre di una rastrelliera con sistema di fissaggio sia per la stessa che per le tavole, oltre a consentire di razionalizzarne l’occupazione dello spazio interno, consente di proteggere le tavole da urti indesiderati. Aggiungiamo che una rastrelliera può essere utile anche per il rimessaggio delle tavole. Detto Ciò premesso, a meno di commissionare ad un artigiano o ad una azienda specializzata il lavoro, una soluzione “Do It Yourself” richiede un certo dispendio di tempo e denaro, oltre ad imporre la disponibilità di strumenti appositi e di spazio per la sua implementazione. Ebbene, messi davanti alla necessità di realizzare noi stessi un progetto del genere, abbiamo assemblato una rastrelliera porta surf economica, piuttosto funzionale e che non richiede particolare manualità per la sua realizzazione pratica. Un altro aspetto positivo che contraddistingue tale progetto è la facilissima reperibilità delle varie parti da assemblare che possono essere acquistate presso catene come Obi e Bricofer e comunque ferramenta ben fornite. Ricapitolando, il progetto ha tenuto conto dei seguenti requisiti:

- Economicità.
- Semplicità realizzativa.
- Montaggio e smontaggio senza attrezzi e veloce.
- Adattabilità all’uso per un van od un comune spazio domestico.
- Modularità dei componenti.
- Fissaggio nel van tramite comuni cinghie porta surf.

  • Componenti

L’idea alla base del progetto è quella di usare due scaffalature plastiche per realizzare il rack, bloccandone le due basi su due assi di legno tramite comuni viti Fischer. Le assi servono ovviamente a conferire rigidità e stabilità alla struttura, requisito essenziale, soprattutto se la rastrelliera deve essere disposta all’interno di un furgone/van. Per la realizzazione del rack occorre solamente un trapano per forare le basi e facilitare l’ingresso delle viti nei punti di fissaggio. Le tavole vengono di fatto appoggiate sugli scaffali e bloccate con opportune corde elastiche dotate di clip plastiche. Di seguito la … shopping list completa dei componenti:

- Due scaffali in plastica 80X40X180 (costo orientativo 59 Euro cadauno ma li abbiamo trovati in offerta a 29 Euro presso Bricofer).
- Due assi di legno (10X95X2000 mm, costo orientativo 4.50 Euro cadauno).
- Otto viti Fischer di 2 o 3 cm.
- Sagola elastica di 3 m. e quattro fermi plastici di blocco (costo orientativo 9 Euro).
- 3 Anelli inox e 1 m. di sagola (costo orientativo 5 Euro).

  • Assemblaggio

Innanzi tutto è necessario valutare l’altezza del piano di carico del van. Nel nostro caso abbiamo deciso di montare tre ripiani e lasciare il quarto libero. Ma vediamo, passo passo, come realizzare il rack:

a. Sovrapporre le assi di legno e le  due scaffalature che fungeranno da base e praticare con il trapano due fori su ogni lato;
b. Prima di assemblare il tutto praticare due fori sullo scaffale e passare la cinghia elastica per il fermo delle tavole sul lato sinistro e la sagola con l’anello su quello destro;
c. Ripetere questa operazione per gli altri scaffali;
d. Avvitare con le otto viti fischer gli assali ai due scaffali;
e. Disporre il complesso assali/basi nel van o nel locale prescelto per il rimessaggio;
f. Assemblare il tutto e, nel caso di posizionamento all’interno di un furgone/van, bloccare la struttura con delle cinghie portasurf. Il nostro rack è pronto per l’uso!

  • Conclusioni

Con una spesa del tutto trascurabile e poco lavoro abbiamo realizzato un rack particolarmente funzionale, leggero, modulabile e facilmente smontabile, non rumoroso se usato su un veicolo, ed idoneo al trasporto di sei tavole due per ogni ripiano (sup, windsurf, surfini da kite, etc.). Il test pratico ha evidenziato l’assoluta bontà di questa semplice realizzazione.

Gli scaffali impiegati possono essere acquistati su Amazon.it

Van

e-max.it: your social media marketing partner