• Meteo
  • Annunci Usato
  • Tecnica
  • Carl Vader Blog
  • Viaggi
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Reviews
  • Forum
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!
Stampa

Gargano, the SUP Side of the Moon

Inserito in Viaggi

Gargano, the SUP Side of the Moon

Stefano Gigli ci invia un eccellente articolo dal titolo pinkfloydiano. Check it out!

23 Agosto 2010 Plenilunio di Agosto

Il mio amico Sergio Cantagalli spesso mi raccontava della meravigliosa esperienza del SUP nelle grotte del Gargano con la Luna Piena e l’ultima volta che ci siamo visti ad Oristano, quando abbiamo Suppato insieme a Tharos mi ha talmente incuriosito che ho voluto realizzare questa esperienza insieme a Cori e Ira.
E’ iniziata proprio così il nostro viaggio, fra sogno e realtà abbiamo caricato i SUP sul Defender e siamo partiti alla volta di Capo Vieste.
Da Roma dista circa 4:00h e quando entri nel parco nazionale del Gargano entri in un mondo selvaggio, in una foresta mediterranea mozzafiato, ricca di Olivi secolari balzando indietro nel tempo in un solo istante.
« Il Gargano è il monte più vario che si possa immaginare. Ha nel suo cuore la Foresta Umbra, con faggi e cerri che hanno 50 metri d'altezza e un fusto d'una bracciata di 5 metri, e l'età di Matusalemme; con abeti, aceri, tassi; con un rigoglìo, un colore, l'idea che le stagioni si siano incantate in sull'ora di sera; con caprioli, lepri, volpi che vi scappano di fra i piedi; con ogni gorgheggio, gemito, pigolìo d'uccelli...  » Ungaretti
Esso è costituito in prevalenza da rocce sedimentarie, calcari e dolomie, risalenti al Cretacico e al Giurassico, per lo più stratificate e interessate dal fenomeno di dissoluzione carsica. Fa eccezione lada Punta Pietre Nere, massa di scure rocce vulcaniche risalenti al Triassico, affioranti sulla spiaggia di Lesina. Il fenomeno carsico, prodotto dall'azione dell'acqua e dell'anidride carbonica sulle rocce calcaree ha "scolpito" in vari modi il paesaggio.
Vieste
Lungo tutto il margine del blocco calcareo sono presenti grandi solchi erosivi (Grotte) che, con andamento radiale, si dirigono verso il mare o la Capitanata. Si tratta di forre rocciose (ricollegabili al fenomeno delle "valli secche" o "valloni"), provocate dall'erosione meccanica e carsica. Con il SUP ci entri proprio dentro, ti immergi nella roccia e ammiri tutte le stratificazioni rocciose con dei minerali brillanti. All’interno l’Acqua è cristallina e rispecchia il fondo sabbioso bianco caratteristico della zona Garganica. Noi abbiamo percorso 10km di questa costa a sud di Vieste scattando foto e ascoltando il rumore del mare frangersi e rimbombare all’interno delle grotte.
Capo Vieste ospita il centro internazionale di Surf,Kite,Windsurf di Sergio Cantagalli (
www.SurfConcept.it) situato all’interno di un Campeggio molto ben organizzato dove potete noleggiare i SUP NoveNove).
Capo Vieste è la partenza per un’escursione in SUP verso Peschici
Fin dalle origini la storia di Peschici è profondamente legata al mare ed ai suoi pericoli. Il borgo fu fondato, infatti, nell'XI secolo da un manipolo di soldati slavi inviati nella zona da Ottone I per far fronte alla minaccia dei saraceni. A memoria di una storia secolare di attacchi ed incursioni restano oggi alcune torri costiere erette nella seconda metà del Cinquecento per difendere il territorio da pirati e corsari.
Diffusissimi lungo tutta la costa garganica, soprattutto nella zona tra Peschici e Vieste (dove non esiste promontorio su cui non sorga una di queste gigantesche macchine da pesca), gli antichi trabucchi sono tutelati dal Parco Nazionale del Gargano e sono ritornati in attività grazie all’azione di salvaguardia e di valorizzazione del Parco, che li ha adottati in segno di rispetto della tradizione e dell’ambiente garganico. Simbolo stesso della civiltà costiera garganica, sono diventati in seguito il soggetto preferito di artisti ed artigiani del luogo.

Ad arricchire queste meraviglie storiche e naturali, la Luna Piena ci ha accompagnato in strepitose escursioni notturne, dove il contrasto fra il tramonto del sole sul mare ed il sorgere della luna ci hanno regalato dei momenti magici. Nel pomeriggio del nostro arrivo siamo entrati in acqua alle 18:30, dopo 8 km di remate siamo arrivati al Trabucco di Peschici dove abbiamo potuto bere e ammirare il tramonto, rilassarci e tornare indietro sula scia rispecchiata della luna nel mare. Un’escursione di 15km
 “Insieme si affronta una natura selvaggia, se poi uno torna indietro non è un problema. L’importante non è andare avanti o raggiungere la vetta, l’importante è l’esperienza condivisa” R.Messner
Al prossimo Viaggio ;-)

Stefano Gigli

Sunset 

Gruppo FB – SUP4FUN
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ozone store

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti