• Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Carl Vader Blog
  • Reviews
  • Tecnica
  • Forum
  • Annunci Usato
  • Viaggi
  • Meteo
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!

Kiteboarding

Stampa

Watermania. Brunotti S-Bryck 4’10 Hybrid Board Review

Inserito in Kiteboarding

frontpage

Nuovo review nella sezione Watermania Kiteboarding. Oggi vi proponiamo il review di una hybrid board, la Brunotti S Bryck 4’10..

  • Introduzione

La S Bryck, insieme alle altre due tavole Brunotti della linea hybrid S Brymm ed S Byron, si distingue da tutte le altre tavole da kite presenti sul mercato per la tecnologia costruttiva che prevede un rivestimento di morbido foam tale da conferire ad essa caratteristiche uniche di feeling di navigazione e resistenza agli urti. Una tecnologia simile è già adottata su surf e sup soft board.

Brunotti S-Bryck

 
  • Caratteristiche
La tavola ha le seguenti dimensioni: 4'10" x 21 4/5" x 1 11/16" per un volume di 29 Litri. E’ presente un morbido pad integrato nel foam del deck. La tavola può essere usata solo senza straps. In carena sono presenti un concavo in prua, per facilitare la chiusura di fins first tricks, ed un channel a poppa. L’outline è squadrato con rail piuttosto dritti. Le pinne quad, con attacco future, sono molto flessibili e realizzate in plastica morbida. La tavola con le pinne montate è piuttosto leggera.
 
  • Performance

Dobbiamo confessarvi che si tratta di una tavola davvero atipica, peraltro venduta ad un prezzo concorrenziale e la curiosità di provarla è nata non appena è pervenuta in redazione. Dopo pochi giorni eccoci pronti per un primo test. Riportiamo integralmente le impressioni di uno dei nostri tester:

"La giornata è quella che potrebbe definirsi “sporca” con il vento piuttosto debole, rafficato ed onshore ed un chop molto fastidioso. La S Bryck parte in planata senza esitazioni, il Flysurfer Stoke 12 non fa alcuna fatica a trasferire ad essa il suo tiro; il feeling è strano, questa morbidezza del rivestimento, unitamente alle pinnette molto flessibili, rende la navigazione molto confortevole, decisamente più confortevole rispetto ad una tavola tradizionale, ma questa caratteristica fa anche sì che i rail, morbidi ed arrotondati, non consentono carvate radicali e dirette. Quando provo a surfare una delle piccole onde presenti sul break il cambio di bordo risulta poco incisivo. Di certo anche la larghezza elevata e le pinne morbide tendono a diminuire la reattività della tavola. Insomma pare proprio non essere una kiteboard adatta a surfare onde formate. Nonostante il vento debole la S Bryck stacca bene dall’acqua ed in virtù della leggerezza e della larga carena riesce a catturare anche i refoli di vento per mantenersi ben attaccata ai piedi e chiudere air jibe e transizioni aeree in back a bassa altezza, risulta piuttosto semplice. In virtù della morbidezza del deck pare di atterrare su un cuscino. Non solo, si possono provare tricks aerei senza il minimo timore di causare pressioni sul deck (heel dents) cosa che con un prezioso surfino tradizionale è sempre possibile. Inoltre, nella malaugurata ipotesi di finire con il corpo sulle pinne, la loro flessibilità, la connessione alla carena piuttosto soft e la scarsa resistenza può evitare gravi ferite. Un’altra cosa che mi ha stupito positivamente è la estrema facilità con la quale possono essere chiuse virate tradizionali e roll. La S Bryck è una piattaforma estremamente stabile e ben galleggiante ed asseconda meravigliosamente il rider in queste transizioni. Le strambate, a patto di porre una maggiore pressione sui rail, possono essere chiuse con una discreta facilità ma in questo caso, come abbiamo visto in precedenza, uno shape rigido è più funzionale. La bolina è di tutto rispetto, la tavola risale benissimo il vento. Il confort di navigazione è eccellente ed il chop viene “divorato” senza problemi. Insomma, nonostante le condizioni “crappy” e la breve durata della session, questa tavola mi ha fatto divertire moltissimo. La sconsiglio al wave rider, la consiglio vivamente, anche in virtù del costo favorevole, a chi invece desidera apprendere la virata (classic e roll) ed a chi vuole progredire nel freestyle strapless senza il patema di danneggiare la tavola  e/o ferirsi cadendo sulle pinnette."

Riassumendo.

PLANATA: Eccellente. Niente altro da aggiungere!

BOLINA: La tavola risale il vento senza sforzo anche in condizioni di vento leggero.

VELOCITA’: discreta.

COMFORT DI NAVIGAZIONE: Tavola super confortevole anche sul chop incrociato.

MANOVRABILITA’: La tavola non è molto reattiva ed in strambata richiede una maggiore pressione dei piedi di contro le virate risultano estremamente semplici.

CARVING: In acqua piatta le doti di carving risultano appena sufficienti.

WAVE RIDING: Non è una tavola adatta al wave riding.

SALTI: Anche con poco vento la tavola stacca senza problemi rimanendo attaccata ai piedi grazie alla leggerezza ed alla carena di area generosa. Molto semplice da usare strapless per l’apprendimento di air tricks.
 

  • In sintesi
plus Prezzo favorevole, tavola estremamente planante e boliniera, divertente nei salti strapless anche in condizioni marginali, stimola l’apprendimento di nuovi tricks in virtù del rivestimento morbido e della conseguente resistenza al danneggiamento, anche le pinne morbide in caso di atterraggio su di esse possono ridurre il rischio di brutte ferite, le virate risultano estremamente semplici, anche da apprendere.
minus Tavola direzionale non adatta al wave riding, doti di carving appena sufficienti

Brunotti Logo

 
 
e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti