Kiteboarding

Stampa

Watermania - Duotone Neo 2020 Review

Inserito in Kiteboarding

frontpage

Continuiamo a proporvi articoli e review relativi a sport complementari dello Stand Up Paddling che costituiscono altre sfaccettature di quel lifestyle che risponde al nome di Watermania. E' la volta dell'ala Duotone Neo, kite espressamente dedicato al wave riding.

 

Introduzione

  • INTRODUZIONE

Sono ormai anni che tutti i più noti brand producono ali progettate per un uso wave, ovvero ottimizzate per surfare le onde, quando usate con una kite surfboard. Una delle caratteristiche essenziali è quella del drifting ottimale ovvero la capacità dell’ala di adattarsi, anche con le linee lasche, alla surfata down the line senza denotare fenomeni di back stall. Generalmente l’aspect ratio di un’ala wave è moderato o basso e le tips piuttosto squadrate. La finestra di volo deve necessariamente essere poco ampia per evitare le classiche “sfinestrate” che, soprattutto nelle surfate con movimento di ala dinamico, possono determinare la caduta lungo il bordo finestra dell’ala oltre il face dell’onda. Da notare che anche la reattività elevata deve costituire un requisito essenziale di questo tipo di ali. Il Duotone Neo 2020 rappresenta l’evoluzione di un modello che nel corso degli anni si è guadagnato una posizione di rilevo nel mercato grazie ad indubbie qualità realizzative e progettuali.

Lo scorso anno vi abbiamo presentato su questo sito il review completo del Neo 2019. Si tratta di un kite dotato di tre mini bladder (struts) con uno AR (Aspect ratio) medio basso. Il tessuto è il noto Trinity TX realizzato in esclusiva per Duotone dalla Teijin giapponese. E’ ancora presente sulla LE accanto alla tip destra, la piccola valvola di sgonfiaggio utilissima in quei casi di crash e recovery laddove è necessari arrotolare in acqua l’ala, lasciando le ministrut gonfie, od anche semplicemente per facilitare le operazioni di gonfiaggio per la session successiva. La valvola principale è sovra dimensionata ma la funzionalità non ci ha convinti del tutto poichè la membrana di non ritorno, a volte, non funziona correttamente e costringe ad agire su di essa pena lo sgonfiaggio dell’ala quando si estrae il beccuccio della pompa. Vediamo come quest’anno l’ala è stata modificata dal prestigioso brand teutonico. Ad un primo esame non sfugge, a parità di misura, la maggiore leggerezza del nuovo modello, ottenuta rimuovendo alcuni rinforzi e limitando   a tal scopo le dimensioni del tessuto di rinforzo della trailing edge, la misura 9 m sfiora i 3 Kg davvero un eccellente valore. Lo shape dell’ala non è mutato in modo significativo ma a tal riguardo è necessaria una precisazione.

Alcuni anni fa la nascita della nuova disciplina freestyle strapless ha indotto alcuni brand ad adattare le ali wave conferendo ad esse migliori capacità di lift ed hang time per aiutare i rider a chiudere tricks aerei sempre più complessi. A tale scopo il Neo, usato dal Campione del mondo Airton Cozzolino, è stato rivisto ed adattato alla nuova disciplina. Alcuni “puristi” del wave riding possono contare sulla regolazione del sistema di briglie anteriore configurabile tramite due connessioni una blu ed una gialla; la prima è indicata per un puro uso wave in condizioni di vento sideshore, in questo caso l’ala esprime capacità di drifting ottimali, nelle quali la si può lasciare  letteralmente parcheggiata in aria per seguirla senza pressioni sulla barra durante la surfata. La seconda invece ne accresce la manovrabilità ed in generale ne migliora l’efficienza complessiva nei salti.

Abbiamo usato il Neo con la Duotone Click bar 2020 che non presenta differenze sostanziali con la precedente versione. La sua caratteristica principale è quella di agire, tramite un meccanismo interno alla barra, sul depower dell’ala tramite l’accorciamento od allungamento delle back lines. Sul lato destro è posta una levetta, per potenziare l’ala si ruota a destra, viceversa per depotenziarla basta premere il pulsante posto al centro. La regolazione, in entrambi i casi procede a scatti e non in modo progressivo. Di fronte al rider, sempre sul lato destro, è presente un indicatore con una tacca arancione che mostra il livello di potenziamento dell’ala. Ovviamente questo sistema rende del tutto inutile la presenza del trim sulle front lines e questo conferisce alla Click Bar un aspetto decisamente pulito. Purtroppo la larghezza della barra non è regolabile. Il grip è abbastanza morbido. Il sistema di sicurezza è l’Iron Heart giunto alla quinta generazione. Un efficacissimo sistema rende il districamento delle linee, dopo ogni rotazione, automatico. Si possono scegliere quattro configurazioni del chicken loop, wake style, freestyle, freeride e wave.

La barra viene fornita con linee la cui qualità non ci ha convinti del tutto in quanto prone al danneggiamento del rivestimento esterno nei punti di frizione. La V risulta molto alta, se si desiderasse usare la Click Bar con ali di brand differenti è mandatorio abbassarla. Le linee, lunghe 22 m, sono dotate di prolunghe da 2 m che portano la lunghezza complessiva a 24 m. La barra e l’ala possono anche essere configurate a cinque linee con un apposito kit (kit potenziamento quinta linea). Dal punto di vista della colorazione che spesso incide sul fattore sicurezza nulla da dire, la parte terminale di sinistra è arancione e quella destra è blu, difficile commettere errori nell’impugnarla. Una ultima nota sulla sacca, davvero pratica e ben realizzata.kite

bar

Prestazioni

  • PRESTAZIONI

Eccoci finalmente alle risultanze emerse dalle numerose session in cui abbiamo usato il Neo nelle acque hawaiiane e mediterranee. Le misure testate sono state il 6 ed il 9 m, L’ala è potente ed il feedback di barra rotondo, progressivo. Le caratteristiche di volo sono intuitive e la prima sensazione è quella di trovarsi di fronte non ad un wave kite tagliente ed aggressivo, bensì ad un più pacioso freeride wave kite. Il feeling del neo 2020 è quello di un’ala complessivamente più leggera. Per chi non è abituato ad usare ali Duotone la presenza di una V delle front line così alta stupisce non poco.

Le doti di surfata sono eccellenti sia lasciando il Neo in drifting che muovendolo sulle onde più piccole, in quest’ultimo caso abbiamo notato che le regolazioni sul sistema di briglie giocano un ruolo fondamentale; in pratica se si desidera gestire dinamicamente l’ala la regolazione gialla incide notevolmente sulla sua reattività. Con onde alte e formate e vento laterale il Neo esprime qualità di assoluto riferimento grazie ad eccellenti capacità di drifting anche con linee poco tensionate. In questo caso nell’up turn l’ala è sempre controllabile. Durante le numerose session il Neo non è mai caduto in acqua a causa di back stall! L’elevato low end dell’ala rende possibile adottare per il proprio peso una misura inferiore rispetto a quella di ali wave di altri brand. L’upper end rispetto al Neo 2019, appare decisamente migliorato.

Due caratteristiche, del tutto inattese, ci hanno positivamente impressionate: il lift e l’hang time. Grazie ad esse è possibile sia migliorare nella disciplina dello strapless freestyle che usare un surfino munito di straps od un comune twin tip. Grazie all’ottimo galleggiamento ed alle capacità di drifting il Neo può essere usato efficacemente con tavole hydrofoil.  Il rilancio dopo una caduta è pressoché immediato. L’uso della Click Bar è intuitivo ruotando la leva a destra l’ala si potenzia, premendo il pulsante al centro l’ala si depotenzia. Davvero rimarchevole l’untwist automatico delle linee, non è richiesto alcun intervento del rider per il loro districamento dopo una rotazione. Al momento tra le tante barre testate questa è l’unica dotata di un untwist automatico e molto funzionale. La valvola sovra dimensionata di gonfiaggio  non ci ha convinti. A volte estraendo il beccuccio del tubo l’aria inizia ad uscire ed in tre circostanze abbiamo dovuto ripetere la procedura di gonfiaggio. Consigliamo caldamente di sgonfiare il Neo agendo sulla piccola valvola posta  sulla leading edge a destra e solo allora di agire sulla valvola principale ruotando l’anello interno. Veniamo ora all’esame dettagliato delle performance.

Elementi dei test:

- Misure testate: 6 e 9
- peso riders 64 / 80 Kg.
- tavole North Hybrid 5’1'', Duotone Whip 5’0'', Kazuma Milkman 5’8''
- venti variabili tra i 9 ed i 38 nodi
- 0,7/5  m. onda

LOW END: strepitoso;

RANGE SUPERIORE/STABILITA’: per quanto concerne la tenuta in sopra invelatura il Neo 2020 è decisamente migliore rispetto alla precedente versione , l’ala è molto stabile nel passaggio buco di vento/raffica;

BOLINA: ottima;

HANG TIME: buono se consideriamo che si tratta di un wave kite;

POP: buono;

LIFT: buono, uno dei migliori riscontrati in un wave kite;

REATTIVITA’: ala reattiva anche quando depotenziata;

RILANCIO: efficacissimo anche con poco vento;

DRIFTING: strepitoso, la migliore dote dell’ala;

SICUREZZA: agisce su una delle due front line. Il quick release è molto funzionale;

SURFATA: una delle migliori ala wave sul mercato sia in termini di drifting che di controllo;

SUGGERIMENTI DI TRIM: scegliere la regolazione del sistema di briglie blu per migliorare le doti di drifting (park and ride), scegliere la regolazione gialla per migliorarne la reattività ed in generale le doti freeride e nei salti.

Conclusioni

  • CONCLUSIONI

Il Neo 2020 è più leggero del modello precedente, le eccellenti doti di surfata sono rimaste immutate; efficienza nel drifting, assenza di back stall ed una migliore tenuta in sopra invelatura, rendono quest’ala uno dei kite wave di riferimento. Le regolazioni del sistema di briglie cambiano in modo significativo le prestazioni dell’ala che lavora in splendida sinergia con la Click Bar. La qualità dei materiali, la realizzazione e le prestazioni ne giustificano ampiamente il costo elevato.  Ci sentiamo quindi di consigliarlo senza alcuna riserva.

plus Eccelle in surfata, ala potente e dal tiro “rotondo”, drifting infinito senza alcun accenno al back stalling, molto intuitivo e morbido da portare, comportamento sincero nella finestra di volo, davvero buono nei salti, regolazioni del trim efficaci, Click Bar barra innovativa dal design pulito e funzionale, unica nel suo genere consente il districamento automatico delle linee dopo una rotazione, prodotto ben realizzato, tessuto Trinity TX davvero eccellente, ottima sacca.
 

minus  Valvola di gonfiaggio a volte poco affidabile, avremmo gradito anche una copertura in neoprene per evitare il danneggiamento del tessuto che, sebbene protetto da una toppa di rinforzo, non ci ha convinti del tutto. Costo elevato.Higlhy recommended

Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito del produttore cliccando sul seguente banner

Duotone logo

e-max.it: your social media marketing partner