• Carl Vader Blog
  • Forum
  • Reviews
  • Viaggi
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Meteo
  • Annunci Usato
  • Tecnica

Le tavole SUP Race (PtP)

Stampa

Le tavole SUP Race

Inserito in Tecnologia

Vortice XP by Waterman
Vortice XP - Pic © C4 Waterman 

Come nel caso di altri sport acquatici come il Windsurfing ed il Kiteboarding anche lo Stand Up Paddling, con la sua definitiva affermazione, sta passando attraverso un processo di specializzazione a livello di discipline e quindi, fatalmente, di attrezzature.

Da una situazione di partenza in cui la riscoperta del SUP ha portato gli shaper a progettare tavole tuttofare che avessero delle prestazioni adeguate sia nel cruising che nel waveriding e quindi da uno scenario di one board quiver, cioè del possesso di una sola tavola necessaria alla pratica di questo sport, si è passati ad un altro che contempla, da parte del paddler completo, la disponibilità di almeno due tavole. Nel corso del 2007, poi, con il proliferare di eventi di tipo Long Distance, un nuovo tipo di tavole SUP è stato creato per venire incontro alle esigenze degli agonisti. Stiamo parlando delle tavole Race o “Point to Point”, in alcuni casi dotate di un sistema di timoneria o steering mutuato dalla canoa che, agendo sulla pinna, consente di ridurre quasi del tutto l’effetto Row, cioè la tendenza della tavola a curvare nella direzione opposta a quella di remata. Allo stato attuale, quindi, possiamo classificare le tavole SUP in tre grandi categorie: wave, allround e race o PtP. Potremmo ulteriormente sofisticare la classificazione basandoci sul feeling trasmesso dai vari shape delle prime due categorie di tavole che, a differenza delle PtP, consentono di surfare le onde. Infatti, in sede progettuale può essere data alla tavola un’attitudine di surfata più o meno esasperata, di fatto avvicinandola nel primo caso ad uno shortboard per il Surf da onda ovvero ad un longboard nel secondo. Comunque, grossolanamente le tavole dedicate alla surfata partono da una lunghezza intorno ai tre metri (intorno a 9’) per una larghezza di circa 70 cm e volume che parte dai 100 Lt., mentre quelle allround, senz’altro più orientate al Cruising, hanno lunghezza superiore a circa 325 cm per quasi 80 cm di larghezza e volumi che eccedono i 160 Lt. .

Carena
Vortice XP - Pic © C4 Waterman 

 Entrando nel dettaglio delle nuove tavole PtP, va detto subito che il loro shape ed outline sono studiati per assicurare la massima scorrevolezza e direzionalità, il tutto senza sacrificarne troppo la stabilità che deve essere comunque eccellente, visto che sarebbero sufficienti poche cadute per compromettere la prestazione del racer. La lunghezza di tali tavole supera abbondantemente i 4 m (14’) mentre la larghezza oscilla intorno ai 70 cm ed il volume superiore ai 200 Lt. . Si tratta in assoluto di tavole relativamente strette, dunque,  e quindi lateralmente un po’ più instabili rispetto alle tavole allround ma naturalmente ciò è dovuto, come premesso, alla ricerca delle migliori prestazioni di scivolamento. L’outline è estremamente filante, con la prua quasi acuminata e la poppa sempre di tipo pintail pronunciato. Qui c’è poco spazio per la fantasia, visto che le tavole PtP devono avere il migliore profilo idrodinamico per gestire le condizioni più esasperate (grosso chop, onda, vento). L’opera viva è in genere caratterizzata da una V piuttosto pronunciata nel primo quarto della tavola a partire dalla zona poppiera, mentre l’unica pinna, data la lunghezza di tali tavole, è spostata piuttosto avanti rispetto ad un cruiser tradizionale. Occorre anche aggiungere il fatto che in presenza di un sistema di steering la pinna diventa un vero e proprio timone, ma di questo parleremo in un prossimo articolo che ne illustrerà le origini ed il funzionamento.

coperta 
Vortice XP - Pic © C4 Waterman 

Per quanto riguarda la coperta, infine, occorre menzionare il fatto che alcuni shaper hanno optato per realizzarla incavata allo scopo di consentire l’impiego di pagaie più corte che possano massimizzare l’efficienza di remata. Per quanto riguarda la tecnologia costruttiva, essendo il peso limitato un fattore irrinunciabile, essa non può prescindere dall’impiego della tecnologia vacuum sandwich. Infine, un accenno ai prezzi di tali tavole che, come è facile  immaginare, sono piuttosto elevati partendo da circa 2500$. Le foto a corredo di tale articolo si riferiscono ad uno dei modelli che vanno per la maggiore nelle isole Hawaii. Si tratta della Vortice XP della C4 Waterman che sebbene priva anche come opzione del sistema di steering, illustra in modo perfetto le caratteristiche delle nuove tavole race.

Per una panoramica completa delle caratteristiche del C4 Waterman Vortice Xp visitate il sito del produttore:

http://store.c4waterman.com/C4-Vortice-XP-p/c4vorticexp.htm

e-max.it: your social media marketing partner

Non hai i privilegi necessari per postare commenti