• Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Reviews
  • Carl Vader Blog
  • Tecnica
  • Meteo
  • Annunci Usato
  • Forum
  • Viaggi
  • starboard
  • Starboard SUP. Click here!
Stampa

RSPro® HexaTraction Review

Inserito in Reviews

frontpage

Non tutte le SUP board sono dotate di un pad sulla coperta, come ad esempio le tavole custom ed alcune tavole di serie ad alte prestazioni. english version

Le soluzioni più ovvie consistono da un lato nell’acquistare un deck pad specifico per la propria tavola o uno generico per poi sagomarlo opportunamente, dall’altro applicare la cara, vecchia paraffina. Cara vecchia …?! Pensiamoci meglio. Da un punto di vista di immagine pensiamo sempre al surfista che applica il wax prima di entrare in acqua ma, avendolo molti di noi fatto per anni ed anni, sappiamo che l’uso del wax è accompagnato da tutta una serie di problematiche. Intanto è sufficiente una session prolungata per far perdere molte delle proprietà di grip della paraffina il che ci porta alla ovvia conclusione che è opportuno comunque rinnovare il layer di paraffina prima di ogni uscita, non senza prima rimuovere il vecchio per fare un lavoro ad hoc. Pensiamo poi al fatto che chi surfa a latitudini temperate deve usare fondamentalmente due tipi di wax, a seconda della temperatura esterna e di quella dell’acqua. Inoltre, la paraffina agisce come una sorta di magnete per sabbia ed altre impurità e non è certo amica degli interni delle nostre automobili. E poi, quante volte ci siamo poi dimenticati la “saponetta” di wax a casa, o ci siamo resi conto le quantità di cui disponevamo era insufficiente? Insomma, siamo tutti “sentimentalmente” legati al wax ma alla fine i problemi derivanti dal suo uso rimangono. Proprio per questo applicare un deck pad alla nostra SUP board, laddove ne sia sprovvista, è una soluzione migliore di quella di waxarne (se ci consentite il termine) la coperta. Esiste però una terza opzione, in grado di offrire il meglio dei due mondi deck pad e wax? Fortunatamente la risposta è sì!  Ladies and Gentlemen, vi presentiamo l’RSPro® HexaTraction. 

box

  • Caratteristiche

L’HexaTraction è stato lanciato sul mercato da RSPro®, marchio noto per aver messo sul mercato tutta una serie di interessanti e funzionali prodotti, come i popolarissimi Rail Saver Pro, il Paddle Blade Edge Protection e il Paddle Grip, tutti da noi recensiti a suo tempo. E’ quindi la volta di questo nuovo prodotto della casa ispanica basata a Barcellona. Partendo dalla confezione, come nel caso dei prodotti prima menzionati, ci troviamo di fronte un package minimalista, in sostanza una scatoletta di cartone contenente 22 adesivi, 18 esagonali ed i rimanenti 4, questi ultimi mezzi esagoni. E’ poi presente un template o guida, se volete, sagomata a forma di Y da usare in fase di installazione per posizionare e distanziare correttamente gli adesivi. Di altezza e larghezza pari a 14 cm, essi sono molto leggeri, trasparenti, estremamente sottili e trasparenti. La loro superficie, quella che dopo l’installazione è “esposta” sulla coperta della tavola, è ovviamente ruvida ma – come vedremo più avanti – non al punto da risultare abrasiva. Inoltre, il fatto che gli esagoni siano trasparenti è ovviamente positivo per tutti coloro che intendono non compromettere l’impatto visivo delle grafiche della tavola. Come per tutti gli altri prodotti RSPro® non è presente alcun manuale di installazione ma tutto sommato non è strettamente necessario in quanto basta visitare il sito del produttore alla sezione Support-Installation per trarre tutte le informazioni del caso. Oltre ai “tips&tricks”, esso comprende per ciascun prodotto un video che ne illustra la relativa procedura di installazione. Per comodità riportiamo nel seguente paragrafo dedicato, appunto, all’installazione quello del RSPro® HexaTraction.

 

  • Installazione

Seguendo scrupolosamente le istruzioni di installazione dell’HexaTraction fornite dal produttore, abbiamo provveduto inizialmente a pulire con alcol la superficie della tavola, nella fattispecie uno  Starboard Pro 7’4’’ Blue Carbon. Lo step successivo è stato quello di farci un’idea della disposizione finale delle patch adesive, allineandole sulla tavola servendoci ovviamente del template ad Y. Siamo così passati all’applicazione del primo esagono che va posizionato, superfluo dirlo, simmetricamente, centrandolo a metà larghezza della tavola. Per l’incollaggio di questa prima patch e delle successive abbiamo dapprima versato una generosa quantità di acqua sull’area interessata per poi rimuovere parzialmente la pellicola protettiva dell’adesivo della patch stessa. Abbiamo poi applicato sulla tavola la parte adesiva scoperta per poi rimuovere gradualmente la pellicola protettiva esercitando contemporaneamente pressione distendendo il resto della patch, avendo cura di premere con forza e di non compromettere l’allineamento. Dopo aver preso confidenza con i primi due/tre adesivi, il processo è diventato via via più semplice, tanto che siamo stati in grado di applicare tutte le patch adesive in poco più di mezzora senza che si sia presentata la necessità di riposizionarne alcuna o di avere difficoltà nel rimuovere le occasionali piccole bolle d’aria. In quest’ultimo caso, infatti, è stato sufficiente premere con forza la parte interessata. Dopo aver descritto il prodotto ed esaminatone il semplice processo di installazione è tempo di rispondere alla fatidica domanda che vi starete a questo punto ponendo e che suona più o meno così: OK, il prodotto è leggero e facile da installare ma è efficace? E’ cioè in grado di sostituire degnamente il wax o, meglio ancora, un pad in EVA? Scopriamo insieme la risposta nel prossimo paragrafo!

 

  • L’RSPro® HexaTraction in acqua

Premettiamo che noi tutti appartenenti allo staff di www.standuppaddling.it siamo anche appassionatissimi windsurfisti. Questo per dire che in termini di grip, l’HexaTraction può essere paragonato all’antisdrucciolo usato sulla coperta delle tavole destinate al windsurfing. Con un importante distinguo rispetto a quest’ultimo e cioè la quasi totale assenza di potere abrasivo dell’HexaTraction. In fase di surfata, poi, il grip assicurato da tale soluzione è di tutto riguardo e paragonabile a quello offerto da un pad in EVA con l’aggiunta però di quel feeling diretto con la tavola che è invece proprio del wax. La sola nota vagamente negativa da riportare è che quando si indossa una muta a gamba lunga, si può occasionalmente scivolare lateralmente mentre si staziona in ginocchio sulla tavola, a causa del materiale (scivoloso sull’HexaTraction) impiegato sulle patch di rinforzo nell’area delle ginocchia che sono presenti, appunto, nella maggior parte delle mute. Attenzione, però, abbiamo scritto “occasionalmente” ed inoltre non dobbiamo dimenticare che la tavola scelta per il test è una di quelle più instabili lateralmente disponibili sul mercato. A parte questa doverosa considerazione, non abbiamo alcun appunto da muovere al prodotto in termini di scollamenti o di degrado del grip dopo moltissime session. In definitiva, l’HexaTraction ha ecceduto le nostre aspettative anche in termini di efficacia.

 

  • Conclusioni e verdetto

L’RSPro® HexaTraction è un prodotto estremamente valido in grado di sostituire degnamente un pad o l’uso del wax e quindi dotato di eccellenti caratteristiche di tenuta e trazione. Rispetto ad un deck pad l’RSPro® l’HexaTraction è in grado di assicurare un feeling più diretto, paragonabile a quello offerto dal wax e rispetto a quest’ultimo presenta comunque molti vantaggi riassumibili in un maggiore praticità ed in costi inferiori a lungo termine. Come tale ci sentiamo di raccomandarlo senza riserve.

plus Le patch sono leggere, trasparenti, resistenti alla temperatura ed in grado di assicurare un notevole grip e trazione.
minus Leggermente scivoloso con le patch di rinforzo delle mute.

Higlhy recommended

logo

e-max.it: your social media marketing partner

Commenti   

 
#5 sup_remo 2017-02-08 13:49
E' legittimo il dubbio che la tenuta della colla non sia il massimo usando acqua prima di incollare gli esagoni ?
 
 
#4 mauroz 2017-02-08 11:43
Ottimo e onesto review come al solito e prodotto mooolto interessante.
 
 
#3 mdona68 2017-02-08 08:31
Citazione:
Sì certo! Anche per il Kite strapless.
Ecco, questo mi interessa :-) Complimenti per il review!
 
 
#2 mark 2017-02-08 08:30
Citazione:
Quindi, alla fin fine, da consigliare anche per il surf da onda?
Sì certo! Anche per il Kite strapless.
 
 
#1 wavecult 2017-02-08 07:23
Quindi, alla fin fine, da consigliare anche per il surf da onda?
 

Non hai i privilegi necessari per postare commenti