• Carl Vader Blog
  • Forum
  • Reviews
  • Meteo
  • Tecnica
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Viaggi
  • Annunci Usato
Stampa

06/03/2020

Inserito in Carl Vader Blog

Spot: Litorale di Latina Cancun
Vento: Ponente/Maestrale 30/38 Nodi
Onda: 2.5  m
Tavola: Kazuma Milkman Pro 5’8
Ala: Duotone Neo 6

Cari followers, prima di raccontarvi quanto avvenuto nella ultima kite session di Marzo, quella che ha preceduto il lockdown, volevo rivolgervi un caloroso saluto ed un augurio affinchè tutti voi e famiglie possiate superare al meglio questa pandemia. Forza e coraggio. La session del 6 Marzo è una di quelle capaci di lasciare a lungo il segno. Le condizioni meteomarine sono solide con il vento forte di Ponente che sferza la costa e le onde che frangono anche sulla terza secca. Rispetto alla kite wave session svolta in condizioni simili oggi la swell appare, dalla costa, un pelino più disordinata. Scelgo un combo tavola/ala che conosco bene avendolo usato a Maui tra Ottobre e Dicembre dello scorso anno: la kite surfboard Kazuma Milkman Pro 5’8 e l’ala Duotone Neo 6 m. Tolgo le straps alla tavola, oggi voglio sfruttare al massimo le possibilità di microregolazione del peso del corpo sulla coperta soprattutto surfando le onde più grandi. Ovviamente superare le alte schiume per guadagnare il largo non sarà altrettanto agevole che usando le straps. Scelta indovinata in alcune surfate il carattere di questa splendida e radicale tavola viene fuori con cambi di bordo (bottom turn/cut back) super radicali e velocissimi. Il Duotone Neo 6 mi asseconda meravigliosamente in surfata senza mai accennare un back stall. A metà session osservo sottovento il lip, voglio colpirlo per eseguire un aerial ma arrivo con ritardo e vengo travolto dalla schiuma alta e potente che rimbalza sulla superficie del mare ne consegue un brutto wipe out durante il quale vengo colpito al fianco destro dalla tavola. Fortunatamente non solo riesco a mantenere l’ala in volo ma, cazzando la barra, sfrutto il lift per uscire dalla white water. Il dolore mi accompagna lungo tutto il prosieguo della session ma poi sparisce. Questa giornata di kite la ricorderò a lungo non solo per le condizioni ma anche perché segna con ogni probabilità la fine delle session primaverili. Benevenuti nel lockdown!
Aloha and Godspeed

Stampa

03/03/2020

Inserito in Carl Vader Blog

Spot: Litorale di Latina Cancun
Vento: Ponente/Maestrale 30/40 Nodi
Onda: 2.5  m
Tavola: Duotone Pro Session 5’8
Ala: Duotone Neo 6 m

Onda grossa e vento di Ponente nucleare con raffiche ben oltre i 40 Nodi caratterizzano questa giornata. L’ennesimo fronte atlantico ha generato questa swell e lo spot Cancun è piuttosto affollato. Chi ama il wave riding non può mancare ed oggi raggiungono la costa pontina rider sparsi in tutto il Lazio. Purtroppo nel corso della giornata si registreranno tre infortuni con un kiter finito in ospedale, un altro che si taglia le mani con le linee dell’ala caduta in acqua e “lavorata” da un’onda ed un terzo che durante un wipe out sbatte la testa sul reef artificiale posto sopra vento; fortunatamente per lui solo un paio di tagli ed un grosso spavento. Anche un paio di ali vengono danneggiate dalle onde durante la caduta. Per quanto mi riguarda posso definire la session con poche parole: divertimento assoluto! Su una singola onda che “aggancio” presso la terza secca riesco a fare sei bottom turns! Siamo ai livelli hawaiiani di una swell decente e questo la dice tutta sulla qualità delle onde. A tratti alcuni acquazzoni scaricano una grande quantità di pioggia e, mentre sono in acqua, faccio fatica a mantenere gli occhi aperti. Ovviamente prima, durante e dopo questi piccoli fronti il vento subisce forti incrementi e cali improvvisi; Il vero problema è che sotto costa, in particolare sulla seconda secca il forte vento si raffica sempre di più nel pomeriggio a causa del giro da Ponente a Maestrale ed il alcuni upturn avverto con il Duotone Neo 6 un pelino di sotto invelatura soprattutto quando cazzo la barra per rendere più radicale il cut back. Esco letteralmente “bollito” dopo circa due ore. Osservo il mare e mi viene spontaneo rimanere ammirato da tanta bellezza.
Aloha and Godspeed