• Tecnica
  • Street SUP the best crosstraining sport for SUP Surfing
  • Carl Vader Blog
  • Meteo
  • Reviews
  • Viaggi
  • Forum
  • Annunci Usato
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: divertimento in short sup

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4015

una domanda..
quanto pesi...?
dalle foto del sito quando si pagaia sembrano sommersi fino alle cavoglie...è cosi che si va?

una riflessione..
sto abbandonando il windsurf perche troppo esasperato, abbracciando il sup per il suo modo free...
missa che è durato poco questo concetto e giu a radicalizzare le tavole...
tra un po usciremo solo se ci saranno le condizioni di onda snobbando le passeggiate....?
windsurf docet


cioa luca
Allegati:
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4016

Ciao,
io peso 70 kg quindi effettivamente pochini. Le tavole gong hanno relativamente poco volume rispetto alle tavole concorrenti di serie, ma per gli short sup non ci sono in effetti concorrenti. Diciamo che per il mio peso qualunque delle tavole gong short è abbastanza confortevole (ma parlare di confort sullo short è un eufemismo). La stabilità laterale non è un problema, anzi sono molto confortevoli, ma quella longitudinale, a secondo dei modelli, praticamente non esiste... Secondo lo shaper la tavola semiaffondata aumenta la stabilità.. personalmente non lo so dire visto che con me sopra non va a fondo (a condizione di posizionare correttamente e con precisione i piedi).
GLi short possono andare con onda grossa, ma sono eccezionali con onda piccola.
Sono molto fisici da usare perchè tutte le fasi sono molto faticose (ad eccezione della surfata che è esplosiva ed istintiva). Diciamo che se per il longsup la parte difficile è surfare e tutto il resto è semplice, con lo short surfare diventa la parte semplice, mentre tutto il resto è complicato (andare dritti, superare corrente e frangenti, posizionarsi, timing per il rake off) insomma tutto.
Non ci vuole grandissima esperienza per usarli, anche perchè va considerato quasi come uno sport differente. La tecnica di remata è differente, il posizionamento dei pesi è differente, il take off è differente, la lunghezza della pagaia è differente. Chi è già bravo sulle tavole normali rischia di trovarsi male perchè ha già molti automatismi che sullo short non funzionano. Chi ha un'esperienza media invece si trova rapidamente a proprio agio.
Il concetto del windsurf radicale non è lo stesso dello short sup. Io sono windsurfista e so di che parli perchè ho vissuto e subito il fenomeno. Ma le tavole da windsurf radicali non si usano praticamente mai, gli short sup si perchè vanno molto bene anche in onda piccola. Ovvio poi che a monte si deve fare una scelta, ma quella la si deve fare a prescindere dallo short sup: uscire solo nelle onde o fare anche cruising o race? La scelta è troppo soggettiva, dipende dal luogo in cui si vive, dalle proprie passioni, esperienze ecccc. In realtà non si deve fare nessuna scelta.. sono attività compatibilissime... ma se c'è onda, anche piccola, da qualche parte e si può andare a surfare... bhè allora io non farei mai cruising sul piatto e comunque lo farei solo in un giorno festivo. Per me fare i salti mortali per il lavoro per poter andare a surfare va bene, ma per andare a remare sul piatto.. bhè... non allora non vale la pena.

Ovviamente non si può neanche immaginare di avere solo uno short sup... sono tavole non per tutte le condizioni e sono tavole da associare ad una o più tavole \"normali\" per aumentare il divertimento in alcune condizioni. Sono anche tavole su cui difficile fare sessioni prolungate perchè stancano davvero tanto... ma dopo aver preso un onda con una tavola del genere dubito che non concorderete con me che davvero ne vale la pena. Ovviamente non voglio convincere nessuno, ma solo dire che è un'opportunità e che a me, e ad altri, piace molto.
Sicuramente possono anche non piacere perchè si discostano dallo spirito di approccio morbido al sup.. Lo short è fisico ed è abbastanza duro.. quindi, come sempre, è questione di gusti.... io comunque trovo che sia stupendo che esistano.. almeno abbiamo una scelta in più.

Per Rude: solo l'idea della mazzetta sui rails mi fa rabbrividire... resta sul Tirreno :-) :-) :-).. anzi vengo io a trovarti e per la mazzetta non ti preoccupare: porto la mia e testiamo la tua tavola :-)
ciao
Filippo
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4017

Ciao Filippo! Ma veramente è una 6,4? Ma allora o l'ha shapata mago merlino oppure sei un cavolo di campione! Che spettacolo! Mi esalta soprattutto il fatto che si rieSKA a muovere così bene con onde con pochissima faccia! Brvao! Complimenti! E complimenti a Merlino Gong!;)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4018

Preferirei dire che sono io il campione, ma \"purtroppo\" la risposta giusta è che Patrice è un mago.
Si la tavola è una 6.4 (195 cm), ma io la trovo lunghetta!!! Scherzo... ho anche un 5.11 (in realtà l'ho comprato per la mia ragazza, ma lo uso anche io) ed un custom 6.6 sempre di Patrice (decisamente più radicale del 6.4 delle foto).
Scherzi a parte, davvero non si deve essere campioni e neanche tanto bravi.. basta volersi mettere in gioco, accettare di stancarsi molto e mettere in conto che ci sono molte situazioni e molte onde in cui non vanno bene. Ieri, ad esempio, sono uscito con meravigliosa onda glassy di circa 1,20 - 1,40, ma in quello spot (con onda bella, ma un molto tonda e da longoboard) non andavano quasi per niente perchè pur partendo bene, non avevano la propulsione necessaria per girare (e se non fanno curve su curve gli short non vanno benissimo) mentre con il mio nove piedi si surfava da dio. Invece se l'onda ha una faccia un pò più ripida, anche se piccolissima, vanno davvero molto bene.
ciao
Filippo
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4019

filippo ti devo ringraziere di cuore...
mi hai aperto un nuovo mondo...
continua anche in futuro a illuminare noi mortali con le tue esperienze consigli e novità....

io peso 90 kg, ma vedendo questo ragazzo penso che ci posso andare pure io...

hai provato altre tavole?
cosa mi consigli come misura e litraggio della tavola?

la tecnica della pagaia in cosa cambia?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4020

Ciao,
innanzi tutto vorrei chiedere a tutti :) di non considerarmi bravo o esperto perchè non lo sono. Mi sento in difficoltà se mi chiedete consigli perchè io li dò volentieri, ma con la precisazione che devono essere considerate semplici discussioni tra \"amici\" di forum e non affermazioni tecniche autorevoli per le quali non ho nè la capacità, nè l'esperienza (e soprattutto mi illudo di avere l'intelligenza di comprendere che non tutto quello che penso è giusto o può valere per tutti :-) ). Quello che dico potrebbe essere sbagliato e ci tengo quindi a precisarlo. Io riferisco le mie esperienze personali, non certo verità assolute :-) .
Se mi chiedi consiglio su uno short posso solo dirti che non è facile rispondere. Le tavole Gong non si distinguono solo per volume e lunghezza, ma hanno ognuna un loro target specifico. Sono in produzione quattro short nella linea \"economica\" Bamby al costo di 499 euro 4 in quella più tecnologica Caribou al cost di 799 euro e due tavole Egg nella linea Caribou (un 7.2 ed un 7.4) che sono a metà strada tra uno short vero ed una tavola tradizionale.
Non è quindi solo il peso ad essere importante, ma anche il programma che prediligi, il feeling che vuoi trovare, le tue precedenti esperienze acquatiche, gli spot dove esci.
Diciamo, in linea davvero generale, che io fossi in te concentrerei la tua eventuale scelta su due tavole sia per motivi economici che di prestazioni.
Se vuoi una tavola point nose per fare bottom e turn verticali e veloci opterei per il Miapolis 6.8: stesso volume del 6.4 della foto, ma distribuito in maniera da risultare più accessibile.
Se invece ti piace una surfata un pò più tendente al longoboard surf ti consiglierei proprio la tavola che hai visto nel video che è un 6.11 Faking.
Quello del video è Coolas, un vero \"saggio\" del SUP e colui che, dopo Patrice, probabilmente è quello che conosce meglio i prodotti Gong. Se ti iscrivi al forum Gong e vuoi chiedere consiglio chiedi sicuramente a Patrice, ma se non ti dovesse rispondere, chiedi di Coolas e puoi fidarti del suo suggerimento.
Considera che Gong produce tavole adatte, tutte tranne forse il 5.9, adatte anche a surfisti di 100 chili. Lo shaper, attualmente pesa 105 chili e shapa le tavole per lui :-). Quindi tutte le tavole possono andare bene per il tuo peso.

Io, delle tavole di serie short, ho provato (perchè lo possiedo) il 5.11 Caribou ONE. Ho anche un custom 6.6 che però è piuttosto radicale nell'equilibrio ed in surfata (anche se si usa anche con 20 cm d onda). Il 5.11 è una tavola eccezionale ed è specializzata in le onde piccole, estremamente reattiva, istintiva ed immediata in curva, un vero skate, ma un pò difficile nella gestione delle fasi antecedenti al take off per un effetto row davvero pronunciato ed una scarsa capacità di avanzamento (prima di prendere l'onda), ma parte davvero su nulla e gira in pochi centimetri tanto che, prima di farci l'abitudine, il mio corpo non riusciva a starle dietro. Il take off è pura accellerazione, anzi non accellera... praticamente appena parte va già al massimo e sta già girando in bottom. La tavola ha una stabilità laterale eccezionale, ma per la lunghezza ridotta è critica in quella longitudinale ed inoltre, vista la larghezza di 85 cm, tende a ruotare su se stessa anzicchè ad avanzare nel paddling.

Come già detto altre volte il problema principale con Gong è riuscire a comprare la tavola :-). Il 6.8 è finito da tempo e dovrebbero arrivare i nuovi tra un paio di mesi, ma converrebbe prenotarlo. Il 6.11 è invece in arrivo, ma, se dovessi decidere, dovresti inviare subito una mail a Patrice a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per cercare di prenotarne uno... temo che possa essere già tardi. Il 6.11 è stato leggermente modificato rispetto a quello che vedi nel sito della Gong e nel video. Tail e nose leggermente più stretti per radicalizzare le curve strette perchè, secondo Patrice, pochi clienti sfruttano le sue capacità di noseriding e, quindi, ha preferito privilegiare le prestazioni in surfata \"tradizionale\".

Penserei anche, anche se non sono veri short, al 7.2 OD o allo shake 7.4. Sono tavole meno specializzate degli short e consentono quasi le stesse prestazioni con un approccio molto più facile. Il 7.2 in particolare mi piace molto, anche se non l'ho provato. Per il tuo peso è forse un pò al limite, ma i commenti di chi lo ha comprato sono davvero meravigliosi. Forse però i due egg sono meno adatti alle onde piccolissime. Lo svantaggio dei due egg è che costano 100 euro in più degli short caribou, ma il vantaggio è che un 7.2 è ancora disponibile in vendita sul sito.

Leggiti questo post di un acquirente di uno short (fatal round caribou 6.6.. oltre all'entusiasmo potrai leggere notizie utili www.gongsup.com/forum/viewtopic.php?t=2229
anche questo post è interessante sul take off www.gongsup.com/forum/viewtopic.php?t=2267

Venendo al discorso pagaia, la prima regola è che la pagaia deve essere corta. Diciamo che per iniziare occorre una pagaia al massimo lunga quanto la propria altezza, ma meglio sarebbe qualche centimetro in meno.
La tecnica di pagaiata è fatta di pagaiate dolci e senza forza.. remare forte non serve a nulla ed anzi è controproducente. La posizione dei piedi deve essere nella fase di remata quasi la stessa di quella che si ha in surfata . Difficilmente con il tuo peso riusciresti a gestire il volume con i piedi paralleli. Lo short sup non perdona i movimenti rigidi e le posizioni contratte. Bisogna essere adottare movenze fluide, con pochi movimenti bruschi. Ginocchia flesse, busto avanzato e leggermente flesso anche per abbassare il baricentro.
I colpi di remo devono essere dati immergendo la pagaia molto avanti alla prua e con un movimento a C che da una posizione laterale si muova verso il rail della tavola con poca potenza, la potenza deve poi aumentare avvicinandosi al rail e decrescere mentre la pagaia si allontana dalla tavola. Inutile spingere fino ai piedi... non serve a nulla. Non so se sono riuscito a spiegarmi, spero di si.
Naturalmente non si riescono a dare se non un paio di colpi di remo per lato e poi bisogna cambiare mano.
Aiuta molto inoltre pensare di non spingere l'acqua indietro con la pagaia per far avanzare la tavola, ma immaginare la pagaia come un palo che si conficca nel suolo ed al quale ci si appoggia per tirarsi delicatamente in avanti.. sembra una cosa stupida, ma aiuta a piegarsi sulle ginocchia a ad utilizzarle per avanzare (ma questa è una tecnica che è utile anche sulle tavole tradizionali).
Questi i consigli di Patrice per remare meglio sullo short www.gongsup.com/forum/viewtopic.php?t=1989
e traducendo:
piedi un pò spostati (posizione ibrida)
\"pala\" aperta verso il rail della tavola
profilo della pagaia immerso a metà in andatura e immerso profondamento in accellarazione
shaft perfettamente verticale all'acqua

La pagaia inoltre, mai come sullo short sup, deve essere usata come un terzo appoggio per trovare equilibrio (l'ideale per iniziare sarebbero pagaie con un pò di volume come, per rimanere in casa Gong, la carbon Floater II o la epoxy floater II www.gongsup.com/GONG-Carbon-Floater.html?lang=fr
www.gongsup.com/GONG-Epoxy-Floater,1179.html?lang=fr

spero di esserti stato di aiuto.

Dimenticavo di dire: gli short sup si avvicinano DAVVERO allo short surf. Sono surf in tutto e per tutto. Quando si legge sui siti o sulle riviste o sui depliant pubblicitari che questa tavola o quell'altra tavola surfano come short.... bhè è falso e ovviamente nessuno ci crede. Io non dirò la stessa cosa degli short Gong... se decidi di comprarne uno, poi mi dirai se è vero o meno che surfano come short.

Comunque, se vuoi in consiglio, iscriviti al forum su www.gongsup.com e chiedi direttamente consiglio a Patrice o agli altri sul forum precisando ovviamente peso, altezza, esperienza. Puoi scrivere anche in inglese.
Ciao
Filippo
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4021

Caro Filippo, ormai la figura del punto di riferimento non te la toglie più nessuno, i tuoi consigli sono sempre stati tecnici e mirati (in italiano: non hai mai sparato fesserie;) ), almeno, non mi hai mai trovato in disaccordo, mettiamola così. Poi le foto sul 6,4 ti hanno dato il colpo di grazia. Fossi in te comincerei a cercarmi un copricapo piumato da sciamao sioux:P
Direi dunque che la stima e l'apprezzamento sono meritati! Quanto a me invece, ti odio e ti disprezzo, perchè hai un quiver invidiabile e la possibilità di surfare spot che io al massimo posso sognarmi! INVIDIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA! :evil: :evil: :evil:
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:divertimento in short sup 9 Anni 8 Mesi fa #4029

Grazie :-) per l'apprezzamento, ma davvero non voglio essere un punto di riferimento. I forum sono nati e sono utili per la discussione, non perchè ci sia uno o comuque pochi che esprimono giudizi (sbagliati o giusti che siano) e gli altri che li leggono senza dire la loro. Torno a dire che io riferisco solo un punto di vista di un normale appassionato e solo questo sono. In più davvero non credo di essere particolarmente bravo (anche se a mio avviso la bravura sulla tavola conta poco nel senso che chiunque può avere e dire le proprie idee... sempre sbagliate o giuste che siano).

A proposito, colgo l'occasione per risponderti ad una domanda che hai fatto su un altro post, ma che (avendo quello ad oggetto un sup race o cruising) forse ha più attinenza a questo. Perchè le tavole piccole vanno meglio per le onde piccole e disordinate? Perchè sono più agili, perchè riescono a curvare dove un 11 o 12 piedi neppure riesce a impostare un bottom, perchè accellerano subito, perchè hanno rocker veloci e non esageratamente curvi come una tavola lunga invece deve avere per consentire di gestire sulle onde il volume e la lunghezza, perchè accellerano velocemente. Certo hanno lo svantaggio di una maggiore difficoltà di utilizzo, ma nulla a cui non ci si possa adattare. Diciamo che viene meno il confort di una tavola lunga, ma il divertimento (insieme allo sforzo fisico) aumentano considerebolmente.
Non è il volume (o non certo solo quello) a consentire il take off. Le tavole con poco volume, se condotte da chi le sa portare, partono praticamente quanto se non più di quelle con molto volume. Innanzi tutto non hanno inerzia e questo in molte situazione aiuta molto (personalmente non mi piacciono le tavole con inerzia,ma so che molti dissentiranno da me). L'inerzia aiuta a superare le sezioni mosce o a non smettere di surfare mai, ma impone l'anticipazione dei movimenti anche nel take off e questo lo rallenta la partenza. Inoltre esistono tavole con poco volume che sono molto più stabili di altre con trenta o quaranta litri in più. La larhezza e la distribuzione del volume contano tantissimo ed il volume è solo un elemento dell'equazione. La tavola con inerzia e volume aiuta a partire in zone in cui magari l'onda ancora non spinge... ma con l'esperienza il surfista impara a posizionarsi con esattezza sulla line up e a partire velocemente anche con tavole con volume assai ridotto.. anzi le tavole con volume ridotto (ed il rapporto con il peso del surfista è molto importante) partono molto molto velocemente se ci si piazza bene sulla line up.
Se prendi ad esempio uno short come quello delle mie foto, penseresti che non debba mai partire in take off, ed invece parte sulla minima ondina, l'importante è il posizionamento.
Il mio custom 6.6 parte su venti centimetri di onda e se l'onda è di almento trenta o quaranta centimetri, in meno di due metri di spazio ha fatto bottom e top turn (sempre se vogliamo chiamarli così su onde piccolissime). Una tavola lunga non riesce neppure a posizionarsi per iniziare a girare.
L'angel 6.4 fa tutto questo anche con chop e vento ed è per questo che, a patto di accettare uno sforzo fisico non indifferente, diventa la tavola ideale per le onde disordinate dell'adriatico (le foto infatti sono fatte nel basso adriatico.. perchè se vedi quello che fanno con le onde di scaduta ripide probabilmente smetterebbero di vendere tavole tradizionali).
Anzi invio delle foto fatte a capo verde e raffiguranti uno che davvero ci sa andare www.gongsup.com/Mika-no-flaps.html?lang=fr
www.gongsup.com/Mika-decoupe-tout.html?lang=fr
La tavola delle foto è un caribou fatal round 6.6 di preserie. Il mio custom è una versione radicale e con meno volume di quella tavola e dallo shape della mia tavola è derivata la produzione in serie (ma io non so andare come il tizio nelle foto :) :) ).

ciao
Filippo
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Moderatori: Puukoa2019
Powered by Forum Kunena